Principio di Eisenhower – Che Cos’è & Quali Sono i Suoi Vantaggi?

Introduzione

Il principio di Eisenhower è un quadro decisionale che può essere utilizzato dalle aziende per prendere decisioni importanti. Il principio si basa sull’idea che esistono due tipi di decisioni: quelle urgenti e quelle importanti.

Le decisioni urgenti sono quelle che devono essere prese subito, mentre le decisioni importanti sono quelle che hanno conseguenze a lungo termine.

Secondo il principio di Eisenhower, le aziende dovrebbero concentrarsi prima sulle decisioni importanti e affrontare quelle urgenti man mano che si presentano.

Questo approccio può aiutare le aziende a concentrarsi sugli obiettivi a lungo termine e a non farsi prendere dalle distrazioni a breve termine.

Che cos’è il principio di Eisenhower?

Il principio di Eisenhower, noto anche come matrice di Eisenhower, è una tecnica di gestione del tempo che aiuta le persone a stabilire le priorità dei compiti valutandone il livello di importanza e di urgenza.

Prende il nome dal Presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower, che lo utilizzò durante il periodo in cui fu comandante in capo delle forze alleate nella Seconda Guerra Mondiale.

Il principio è semplice. Ogni compito o decisione rientra in una delle quattro categorie:

  • urgente e importante
  • non urgente ma importante
  • urgente ma non importante
  • non urgente e non importante

È quindi necessario classificare ogni compito o decisione in base alla sua importanza e urgenza per elaborare un piano d’azione.

Utilizzando il principio di Eisenhower, le persone possono assicurarsi di dare priorità al proprio tempo in modo efficiente ed efficace. Evitando così di impantanarsi in compiti a bassa priorità che non sono in realtà urgenti.

Come applicare il principio di Eisenhower?

Il principio di Eisenhower è una tecnica di gestione del tempo che può essere utilizzata per stabilire le priorità dei compiti. Consiste nel classificare i compiti in quattro quadranti:

I compiti urgenti sono quelli che richiedono un’attenzione immediata, mentre quelli importanti sono quelli che contribuiscono agli obiettivi a lungo termine.

Il principio di Eisenhower può essere applicato al lavoro prendendosi qualche momento all’inizio di ogni giornata per valutare i compiti da portare a termine.

Innanzitutto, individuate quali compiti sono urgenti e importanti. Questi sono i compiti del Quadrante 1 che devono essere affrontati subito. Poi, individuate i compiti del Quadrante 2, che sono importanti ma non urgenti. Queste possono essere programmate per il giorno successivo o per la settimana. I compiti del Quadrante 3 sono quelli urgenti ma non importanti, come controllare la posta elettronica o occuparsi di piccoli problemi che si presentano durante la giornata. Infine, i compiti del Quadrante 4 sono quelli che non sono né urgenti né importanti. In genere possono essere ignorati o delegati a qualcun altro.

Applicando il principio di Eisenhower, è possibile stabilire le priorità dei compiti e assicurarsi che le voci più importanti dell’elenco delle cose da fare ricevano attenzione.

Come iniziare ad utilizzare il principio di Eisenhower?

Il principio di Eisenhower è un quadro decisionale che può essere utilizzato per stabilire le priorità delle attività. Si basa sull’idea che esistano quattro quadranti di attività e che a ciascun quadrante si debba prestare un diverso livello di attenzione.

Per iniziare a utilizzare il principio di Eisenhower, è sufficiente individuare il quadrante in cui rientra ciascuna delle vostre attività attuali. Quindi, date un ordine di priorità alle vostre attività in base alla loro importanza.

Iniziate con le attività del quadrante 1, quindi passate a quelle del quadrante 2. Affrontate le attività del quadrante 3 solo se avete del tempo a disposizione e cercate di evitare del tutto di dedicare tempo alle attività del quadrante 4.

Seguendo questo schema, potete assicurarvi di dedicare il vostro tempo alle cose più importanti.

Esempi di utilizzo del principio di Eisenhower nella storia

Il principio di Eisenhower, noto anche come “regola dell’80/20“, è una linea guida di gestione che suggerisce che l’80% dei risultati deriva dal 20% degli sforzi.

In altre parole, spesso è più efficiente concentrarsi sui compiti più importanti, piuttosto che cercare di distribuire uniformemente gli sforzi su tutti gli aspetti di un progetto.

Nel corso della storia, ci sono stati molti esempi di applicazione del principio di Eisenhower. Di seguito sono riportati alcuni degli esempi più significativi:

  • Nel 1864, il presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln utilizzò la matrice per stabilire le priorità delle strategie militari durante la Guerra Civile 
  • Nel 1939, il primo ministro britannico Winston Churchill utilizzò la matrice per stabilire le priorità degli obiettivi bellici nel periodo precedente la Seconda guerra mondiale 
  • Negli anni ’60, l’astronauta americano John Glenn utilizzò la matrice per stabilire le priorità dei compiti durante il suo storico volo spaziale 
  • Dall’inizio degli anni 2000, i guru del business insegnano la matrice come strumento di gestione del tempo per i professionisti del settore 
  • Nel 2017, il politico americano Bernie Sanders ha utilizzato la matrice per stabilire le priorità dei suoi obiettivi legislativi come membro del Senato degli Stati Uniti.

La sua popolarità deriva dal suo approccio semplice ma efficace alla gestione del tempo. Dando priorità ai compiti più importanti e delegando o eliminando quelli meno importanti, gli individui e le organizzazioni possono raggiungere maggiori livelli di efficienza e successo.

I vantaggi dell’utilizzo del principio di Eisenhower

“Ciò che è importante è raramente urgente e ciò che è urgente è raramente importante”

Questa semplice saggezza può essere incredibilmente potente nell’aiutare le persone a concentrarsi sui compiti più importanti per loro.

I vantaggi dell’utilizzo del principio di Eisenhower sono che può aiutare a ottimizzare la gestione del tempo, ad aumentare la produttività e a ridurre i livelli di stress.

Se utilizzato in modo efficace, può garantire che i compiti vengano portati a termine in modo tempestivo ed efficiente. Inoltre, può aiutare a identificare quali compiti possono essere delegati o messi in attesa per liberare tempo per questioni più urgenti. Nel complesso, questo principio è uno strumento utile per chiunque voglia migliorare le proprie capacità di gestione del tempo.

I pro e i contro dell’utilizzo del principio di Eisenhower

Al presidente Eisenhower si attribuisce il merito di aver reso popolare l’ormai famoso principio di dare priorità ai compiti in base al loro livello di importanza e urgenza.

L’idea è che, identificando e affrontando per primi gli elementi più importanti, si possano raggiungere livelli di produttività complessivi più elevati.

Sebbene ciò sia vero in teoria, l’utilizzo del principio di Eisenhower nella pratica presenta anche alcuni potenziali svantaggi.

Innanzitutto, può essere difficile valutare con precisione l’importanza relativa dei diversi compiti, soprattutto quando si tratta di questioni urgenti. Questo può portare a dare eccessiva importanza ai compiti urgenti a scapito di quelli importanti.

Inoltre, questo principio può talvolta portare a un senso di falsa urgenza, come se tutto dovesse essere fatto immediatamente, indipendentemente dalla sua reale importanza.

In definitiva, la scelta del principio di Eisenhower dipende dalle circostanze e dagli obiettivi individuali. Tuttavia, vale la pena considerare sia i vantaggi che gli svantaggi prima di prendere una decisione.

Conclusione

Il principio di Eisenhower è uno strumento utile da utilizzare nella propria vita. Può aiutarvi a rimanere organizzati, concentrati e produttivi. È semplice da applicare e può essere utilizzato in qualsiasi ambito, sia al lavoro, che nella vita privata.

Prendendovi un po’ di tempo per considerare ciò che è importante per voi e organizzando i vostri compiti di conseguenza, potete sfruttare al meglio il vostro tempo e ottenere di più.

Sebbene questo principio abbia avuto successo per molte persone nel corso della storia, non è perfetto per tutti o per ogni situazione. Ci sono pro e contro nell’utilizzo di questo approccio, quindi valutateli attentamente prima di decidere se il principio di Eisenhower fa al caso vostro.