42 Domande Colloquio – Cosa chiedere & come rispondere

TABELLA DEI CONTENUTI

Colloquio di lavoro

 

Il momento è arrivato!

 

Dopo aver creato un curriculum e una lettera di presentazione da favola, è il momento di affrontare la sfida finale:

Il tuo colloquio di lavoro.

E questo spaventa anche i migliori.

Essere giudicati e valutati da persone che hanno il tuo futuro nelle loro mani è più ansiogeno che incontrare per la prima volta i suoceri.

Hai sentito gli esaminatori e i responsabili delle assunzioni dire che non ci sono risposte giuste o sbagliate per calmarti prima di un colloquio.

Ma il fatto è questo:

Stanno quasi sempre aspettando qualcuno che abbia un modo particolare di rispondere.

Il ché ci porta a questa guida.

Quindi, cominciamo!

 

Domande Colloquio su di te

Gli esaminatori faranno domande colloquio su di te per farsi un’idea della tua personalità e per determinare se sei adatto sia per il lavoro che per la società. Si tratta di domande aperte che ti daranno l’opportunità di mostrare al datore di lavoro che sei ben qualificato per tale posizione.

 

Domande:
  • Parlami di te.
  • Cosa ti differenzia dagli altri candidati?
  • Parlami di qualcosa che non è nel tuo curriculum.
  • Sei una persona mattiniera?
  • Come ti descriverebbero i tuoi colleghi?
  • Cosa ti viene criticato maggiormente?
  • Descrivi il tuo stile di lavoro
  • Qual è stato il tuo più grande fallimento e cosa hai imparato da esso?
  • Quali sono i tuoi maggiori punti di forza?
  • Quali sono i tuoi punti deboli?
  • Cosa ti appassiona?
  • Hai intenzione di avere figli?
  • Quali sono i tuoi hobby?
  • Come stabilisci le priorità del tuo lavoro?
  • Ti consideri una persona di successo?
  • Dove ti vedi tra cinque anni?
  • Cosa ti dà motivazione?
  • Cosa ti irrita maggiormente?

La nostra azienda

  • Come sei venuto a conoscenza di questa posizione?
  • Perché vuoi lavorare in questa azienda?
  • Cosa ti aspetti da un supervisore?
  • Quali sono per te gli aspetti interessanti di questa azienda?
  • Perché dovremmo assumerti?
  • Cosa puoi portare all’ azienda?
  • Hai usufruito del nostro prodotto/servizio?
  • Come miglioreresti il nostro prodotto/servizio?
  • Saresti disposto a lavorare di notte e nei fine settimana?
  • Quale parte del lavoro pensi di poter svolgere in modo semplice?
  • Quale parte del lavoro pensi sarà più impegnativa per te?

Il tuo lavoro

  • Quali sono le tre cose più importanti per te in ambito lavorativo?
  • Descrivi la tua azienda perfetta.
  • Come tratteresti un cliente arrabbiato o deluso?
  • Preferisci lavorare da solo o in squadra?
  • Quali strategie utilizzeresti per motivare la tua squadra?
  • Cosa cercheresti in un candidato?
  • Descrivi il tuo capo ideale.
  • Sei disposto a viaggiare?
  • Come sei organizzato?
  • Qual è stato il tuo più grande successo personale?

Rompicapi

I datori di lavoro usano domande colloquio di questo tipo per testare le tue capacità analitiche, creative e di gestione delle crisi in un determinato scenario. In molte circostanze, il modo in cui rispondi a queste domande è più importante di qualsiasi cosa presente nel tuo curriculum.

 

Vediamo degli esempi:

 

  • Quante palline da tennis puoi mettere in una limousine?
  • Se tu fossi un animale, quale vorresti essere?
 

In Fine

 

  • Hai qualche domanda per me?
 

Vediamo adesso come rispondere a tutte le domande Colloquio

 

1.    Parlami di te.

 

Quasi ogni colloquio di lavoro inizia con un modo per rompere il ghiaccio che ha lo scopo di farti parlare. È un’occasione per presentarsi. Il punto è che non si riferisce veramente a te. Riguarda la tua candidatura. Vogliono sapere se la tua personalità è adatta alla loro azienda, ma più di tutto, vogliono sapere che sei in grado di gestire il lavoro.

La tua risposta, quindi, dovrebbe concentrarsi sulla tua esperienza professionale e sui tuoi interessi, e su tutto ciò che dimostra che sei il candidato giusto per il ruolo. Non è però il momento di recitare il tuo CV. Pensalo come un rapido riassunto di chi sei in senso professionale – un estratto della tua carriera.

Strutturate la vostra risposta in questo modo:
  • Inizia a descrivere il tuo percorso con un riassunto delle tue responsabilità più importanti
  • Poi, riassumi brevemente la tua esperienza precedente con i risultati principali
  • Infine, esprimi come hai trovato il nuovo lavoro e perché è adatto a te e ai tuoi obiettivi

Ricorda, questa è spesso la prima impressione che farai, ed è importante.

 

2.    Cosa ti differenzia dagli altri candidati?

I datori di lavoro prendono decisioni di assunzione confrontando i vari candidati. Potrebbero chiederti di aiutarli a decidere invitandoti a spiegare cosa c’è di così caratteristico in te come candidato, o di vantaggioso nell’assumerti, durante un colloquio di lavoro.

Nella maggior parte dei casi, non avrai idea della persona con cui dovrete competere, quindi questo tipo di domanda è davvero un invito a riassumere i tuoi punti di forza, ponendo l’accento su tutte le risorse che potrebbero separarti dal classico candidato.

Fai una lista delle cinque principali qualifiche del candidato ideale per il lavoro che stai cercando di ottenere.

Esamina questa lista e prova a pensare a come hai applicato in precedenza quelle abilità. Assicurati di scegliere quelle qualità che ti hanno aiutato a dare un forte contributo in precedenza nel tuo lavoro, negli stage, nel volontariato, negli studi o nelle attività.

Oltre ad affrontare i requisiti standard del lavoro, cerca di aggiungere un punto di forza che sia relativamente unico, e che aggiungerebbe valore, anche se non è elencato nella descrizione del lavoro.

 

3.    Parlami di qualcosa che non è nel tuo curriculum.

È un buon segno se un reclutatore è interessato a qualcosa di più di quello che c’è sul tuo curriculum. Probabilmente significa che hanno guardato il tuo CV, pensano che tu possa essere adatto al ruolo e vogliono sapere di più su di te.

Ci sono tre “temi” di base per la risposta che puoi scegliere.

Per prima cosa, puoi parlare di una delle tue caratteristiche positive.

Pensa: la tua creatività, il tuo entusiasmo, la tua tenacia, la tua dedizione, l’unica parola che ti rende te stesso.

In alternativa, puoi condividere una storia o un dettaglio che rivela qualcosa di fantastico su di te e sui tuoi successi.

Infine, puoi parlare della tua motivazione o del tuo obiettivo generale.

 

4.    Sei una persona mattiniera?

Sebbene questo tipo di domande colloquio sembrino essere fuori luogo in questo contesto, non è propriamente così.

Molti studi dimostrano che svegliarsi presto al mattino può aumentare la produttività, la reattività del nostro cervello e può migliorare l’umore.

Tutti punti di forza per un candidato.

Ma ovviamente non siamo tutti uguali, quindi prenditi il tempo per rispondere nel modo più appropriato a questa “curiosa” domanda.

 

5.    Come ti descriverebbero i tuoi colleghi?

Gli interlocutori hanno una serie di motivazioni per chiederti come i colleghi potrebbero descrivere la tua personalità.

In primo luogo, la tua risposta può aiutarli a farsi un’idea della tua auto-percezione. Inoltre, una volta che raggiungono i riferimenti, saranno in grado di confrontare ciò che dicono con la tua autovalutazione.

Infine, questa domanda è un buon modo per gli esaminatori di valutare le tue abilità relazionali per determinare quanto bene ti adatteresti alla loro dinamica di gruppo e alla cultura aziendale.

Questa domanda apparentemente semplice è un’opportunità per te di condividere le tue caratteristiche migliori.

Sei affidabile? Degno di fiducia? Flessibile?

Concentrati sulle capacità e gli attributi che ti renderebbero una risorsa per l’organizzazione.

 

6.    Cosa ti viene criticato maggiormente?

Con questa domanda l’esaminatore sta cercando di capire come gestisci le critiche, se da queste prendi spunto per migliorare, e se sei disposto a cambiare e a lavorare sui tuoi punti deboli.

Un’osservazione che può essere fatta spesso a qualcuno può essere, ad esempio: “Sei troppo buono”

Anche questo dice qualcosa sulla sua personalità, che può interessare al suo interlocutore.

Nella risposta che darai cerca di:
  • Spiegare come hai trasformato una debolezza in un punto di forza
  • Mostrare la tua professionalità
  • Usare l’umorismo se è appropriato
  • Essere onesto
 

7.    Descrivi il tuo stile di lavoro

Gli esaminatori fanno tali domande colloquio per scoprire quanto bene ti potrai adattare alla loro cultura aziendale. La tua risposta può aiutare il responsabile delle assunzioni a determinare se hai le qualità per ottenere risultati nella posizione per la quale ti stai candidando. I datori di lavoro possono anche usare la tua risposta per valutare come ti comporterai in una squadra.

Per rispondere a questa domanda in modo soddisfacente, è importante leggere attentamente la descrizione del lavoro e fare ricerche sulla società prima del colloquio.

Anche se il tuo stile differisce da quello del datore di lavoro, la tua risposta dovrebbe mostrare la tua disponibilità a adattarti a nuovi ambienti per fornire risultati all’azienda.

Il modo in cui risponderai a questa domanda è un fattore importante per la tua idoneità ad ottenere la posizione.

Ecco come poter dare una risposta convincente:
  • Considera il tuo migliore ambiente di lavoro.
  • Valuta il tuo rapporto con i superiori.
  • Esamina la tua velocità e precisione.
  • Sii onesto.
  • Sii conciso.
 

8.    Qual è stato il tuo più grande fallimento e cosa hai imparato da esso?

Perché i datori di lavoro fanno domande colloquio sul fallimento?

Gli esaminatori sanno che nessuno è perfetto.

Quello che vogliono capire è se hai sufficiente consapevolezza di te stesso per riconoscere i tuoi difetti e se sei una persona che può imparare dai propri sbagli. Questa domanda rivela come vedi il rischio, il fallimento e il successo in generale.

Se non hai mai fallito, potresti non aver mai corso rischi o ottenuto successi.

Ecco, in breve, alcuni passi che puoi fare per preparare una risposta efficace a questa domanda:
  • Scegli un insuccesso specifico

Scegli un fallimento legato al lavoro che stai facendo ora.

Cerca una storia in cui qualcosa non è andato come previsto. Scegliere la storia giusta è importante, perché vuoi spiegare una situazione in cui solo UNA cosa è andata male.

Questo aiuterà a mantenere la storia breve e renderà facile articolare ciò che hai imparato e cosa puoi fare diversamente la prossima volta.

  • Condividi la tua storia.

Tieni presente che lo scopo di questa domanda è quello di valutare come gestisci le battute d’arresto; quindi, cerca di passare rapidamente alla parte della storia in cui parli di come hai gestito il fallimento.

Potresti voler discutere di cosa ha reso la situazione difficile e cosa hai fatto per cercare di rimediare. Sii aperto sul fatto che la situazione non è andata come previsto.

  • Concentrati su ciò che hai imparato

Spiega cosa credi sia andato storto e abbia causato il fallimento, cosa avresti fatto diversamente e quali cambiamenti hai fatto per andare avanti.

 

9.    Quali sono i tuoi maggiori punti di forza?

Può sembrare semplice rispondere a simili domande colloquio, ma ti assicuro che non è proprio così. Bisogna trovare il giusto equilibrio tra avere fiducia in sé stessi, senza però sconfinare nell’arroganza.

In effetti, dare la giusta risposta, è uno dei modi migliori per mostrare le tue abilità e dimostrare di avere quel qualcosa in più rispetto a tutte le persone che concorrono per lo stesso posto.

Noi ti diamo 3 consigli per poterlo fare al meglio:
  • Pensa alla qualità, non alla quantità

Per procedere su quella linea tra il sicuro e l’arrogante, sicuramente non basta elencare un mucchio di aggettivi carini per descriversi.

Certo, vuoi venderti come l’uomo o la donna giusta per il lavoro, ma sarai molto più convincente se tagli le parole d’ordine e parli in modo genuino dei tuoi punti di forza.

La tua strategia?

Scegli da uno a tre attributi che vuoi menzionare (a seconda che la domanda chieda un solo punto di forza o più punti di forza) e concentrati su questi.

  • Accompagna i punti di forza con degli esempi.

Ciò che è più importante dei punti di forza che scegli è essere in grado di sostenere le tue affermazioni.

Inizia rispondendo direttamente alla domanda, e poi proseguite con una storia che mostri le tue capacità.

  • Condividi ciò che hai da offrire

Mantieni la tua risposta al centro dell’attenzione e concentrati sugli attributi che porterai al lavoro e alla società. Il tuo obiettivo è convincere l’azienda del fatto che sei la persona che dovrebbero assumere.

 

10. Quali sono i tuoi punti deboli?

Un colloquio di lavoro consiste nel presentare il meglio di sé, ed è per questo che rispondere a questa domanda è piuttosto difficile.

Essere troppo onesto, può spaventare il responsabile delle assunzioni e far saltare le tue possibilità di ottenere la posizione. Ma se non lo sei abbastanza, perderai credibilità.

Sicuramente, il motivo per cui ti è stato chiesto è capire se sei sufficientemente consapevole di te stesso da riconoscere un difetto, e poi abbastanza motivato da correggerlo.

Rispondere a questa domanda può essere una grande opportunità per evidenziare come hai superato una sfida in passato o stai lavorando attivamente per farlo ora.

Dopo tutto, tutti hanno aspetti che potrebbero essere migliorati, ma se puoi descrivere come hai mitigato i tuoi, sembrerai forte, capace e responsabile del tuo sviluppo professionale.

 

11. Cosa ti appassiona?

I datori di lavoro potrebbero chiederti di cosa sei appassionato per capire meglio cosa ti spinge e quali sono le cose che ti stanno più a cuore. Questo può aiutarli a capire se sei adatto al ruolo e se questo si integra nei tuoi obiettivi più ampi.

Per rispondere, prendi in considerazione questa struttura:
  • Scegli qualcosa che ti piace davvero e spiega perché ti appassiona:
  • Fornisci esempi di come hai perseguito questa passione:
  • Ricollegati al lavoro:

 

12. Hai intenzione di avere figli?

Le domande colloquio sullo stato di famiglia, sul sesso (“Come gestiresti la gestione di un team di soli uomini?”), sulla nazionalità, sulla religione o sull’età sono illegali, ma vengono comunque poste di frequente. Naturalmente, non sempre con cattive intenzioni – l’esaminatore potrebbe solo cercare di fare conversazione e potrebbe non rendersi conto che sono off-limits – ma si dovrebbe sicuramente riportare qualsiasi domanda relativa alla tua vita personale (o qualsiasi altra cosa che pensi possa essere inappropriata) al lavoro in questione.

Per questa domanda, prova a rispondere in modo evasivo, come:

“Sai, al momento non credo di poter dare una risposta certa a questa domanda. Ma sono molto interessato ai percorsi di carriera nella vostra azienda. Può dirmi di più su questo?”.

 

13. Quali sono i tuoi hobby?

Ecco come dare la risposta migliore a questa domanda.
  • Prendila con calma.

Alcune persone vengono sorprese da domande su cose non collegate al lavoro. Non lasciare che questa domanda ti distolga dal tuo obiettivo. Se ne hai bisogno, fai una pausa e pensa, e poi rispondi come faresti con qualsiasi altra domanda del colloquio.

  • Cerca di collegare l’hobby al lavoro o all’azienda.

Se possibile, collega il tuo hobby alla società o al lavoro. Questo mostrerà il tuo profondo interesse per l’industria.

Potresti anche concentrarti su risposte che dimostrano una qualità positiva che potrebbe indirettamente aiutarti a raggiungere il successo sul lavoro.

  • Spiega come integri il tuo hobby nella tua vita.

Non limitarti a nominare un’attività come il tuo hobby e lasciar perdere. Continua a spiegare (brevemente) come incorpori il tuo hobby nella tua vita.

Dimostra al tuo datore di lavoro che segui i tuoi interessi, ma che hai anche il tempo per fare bene il tuo lavoro.

  • Spiega perché ti piace.

Oltre a dire come inserisci il tuo hobby nella tua vita, aggiungi una breve spiegazione del perché ami questo hobby.

(Forse ti piace fare jogging perché trovi rilassante stare all’aperto o forse fai uno sport di squadra perché ami lavorare con altre persone.)

Spiegando perché ti piace un’attività, darai al tuo datore di lavoro un senso migliore di chi sei e cosa ti contraddistingue.

  • Sii breve.

Anche se vuoi includere tutte queste informazioni, vuoi comunque mantenere la tua risposta breve. Questa domanda non deve essere una parte importante del colloquio.

  • Sii onesto.

Assicurati che l’hobby di cui parli sia uno di quelli che effettivamente pratichi. Se otterrai il lavoro, il capo si ricorderà probabilmente che hai detto di amare il calcio, per esempio, e potrebbe invitarti a unirti ad una squadra.

Non fatevi cogliere in fallo.

Inoltre, sii pronto per le domande di follow-up: Se dici di amare i film, per esempio, l’esaminatore potrebbe chiederti qual è il tuo film preferito o l’ultimo film che hai visto al cinema.

 

14. Come stabilisci le priorità del tuo lavoro?

Il tuo esaminatore vuole sapere che puoi gestire bene il tuo tempo, usare il tuo giudizio, comunicare e cambiare marcia in caso di necessità.

Puoi iniziare parlando di un qualsiasi sistema che secondo te funziona per pianificare la tua giornata o settimana.

Descrivi come hai reagito a una richiesta dell’ultimo minuto o a un altro cambiamento inaspettato rispetto alle priorità prefissate in passato, includendo come hai valutato e deciso cosa fare e come hai comunicato con il tuo manager e il tuo team.

 

15. Ti consideri una persona di successo?

Domande colloquio come questa potrebbero metterti a disagio. Ma puoi considerarla come un’opportunità per permettere al selezionatore di conoscerti meglio e di considerarti una scelta eccellente per questo lavoro.

Come prima cosa, assicurati di dire di sì!

Poi scegli un risultato professionale specifico di cui sei orgoglioso, che dimostri una qualità, abilità o esperienza che ti aiuterebbe ad eccellere in questa posizione. Potrai spiegare perché lo consideri un successo, parlare del processo oltre che del risultato, ed evidenziare il tuo risultato personale senza dimenticare il tuo team.

 

16. Dove ti vedi tra cinque anni?

Se ti fanno questa domanda, sii onesto e specifico sui tuoi obiettivi futuri, ma considera questo: Un responsabile delle assunzioni vuole sapere

  • se hai fissato aspettative realistiche per la tua carriera,
  • sei ambizioso? (cioè se questa non è la prima volta che prendi in considerazione questa domanda)
  • questo lavoro è in sintonia con i tuoi obiettivi e la tua crescita?

La cosa migliore è pensare in modo realistico a dove questo impiego potrebbe portarti e rispondere secondo queste linee.  Va bene dire che non sei del tutto sicuro di cosa ti riserva il futuro, ma che secondo te questa esperienza avrà un ruolo importante nel raggiungimento dei tuoi obiettivi.

 

17. Cosa ti dà motivazione?

Prima di farti prendere dal panico nel rispondere a quella che sembra una domanda esistenziale, considera che il selezionatore vuole assicurarsi che tu sia entusiasta di questo ruolo in questa azienda, e che sarai motivato ad avere successo se dovessero sceglierti.

Quindi pensa di nuovo a ciò che ti ha stimolato nei ruoli precedenti e individua ciò che ti ha fatto brillare gli occhi quando hai letto questa descrizione del lavoro.

Scegli una cosa, assicurati che sia rilevante per il ruolo e la società per cui stai affrontando il colloquio, e cerca di inserire una storia che ti aiuti a illustrare il tuo punto di vista.

Se sei onesto, e dovresti esserlo, il tuo entusiasmo sarà tangibile.

 

18. Cosa ti irrita maggiormente?

Molto probabilmente con questa domanda, vogliono assicurarsi che tu possa lavorare bene nella loro azienda e farsi un’idea di come affronti i conflitti.

Quindi assicurati di scegliere qualcosa che non contraddica la cultura e l’ambiente di quest’azienda e allo stesso tempo sii onesto.

Poi chiarisci il perché e cosa hai fatto per affrontarlo in passato, facendo del tuo meglio per rimanere calmo e composto.

Poiché non c’è bisogno di soffermarsi su qualcosa che ti infastidisce, puoi mantenere questa risposta breve e semplice.

 

19. Come sei venuto a conoscenza di questa posizione?

Un’altra delle domande colloquio apparentemente ingenue; questa è in realtà un’opportunità perfetta per distinguersi e mostrare la tua passione e attinenza con la società.

Per esempio, se hai scoperto il lavoro attraverso un amico o un contatto professionale, fai il nome di quella persona, poi aggiungi il perché fossi così entusiasta del lavoro.

Se hai scoperto l’azienda attraverso un evento o un articolo, condividilo.

Anche se hai trovato l’annuncio attraverso un forum di lavoro casuale, condividi quello che, in particolare, ha attirato la tua attenzione sul tipo di lavoro.

 

20. Perché vuoi lavorare in questa azienda?

Attenzione alle risposte generiche!

Se quello che dici può essere applicato a una serie di altre aziende, o se la tua risposta è simile a quella di ogni altro candidato, stai perdendo una grande opportunità per distinguerti.

Usa queste quattro strategie per rispondere nel migliore dei modi:
  • Fai le tue ricerche e parla di qualcosa che rende quest’azienda unica e che ti affascina davvero;
  • parla di come hai visto l’azienda crescere e cambiare da quando ne hai sentito parlare per la prima volta;
  • concentrati sulle opportunità di crescita futura dell’organizzazione e su come potresti contribuire;
  • condividi ciò che ti ha entusiasmato dialogando con gli altri dipendenti finora.

Qualunque strada scegli, assicurati di essere specifico.

E se non riesci a capire perché vorresti lavorare qui, probabilmente questa posizione non è quella giusta per te.

 

21. Cosa ti aspetti da un supervisore?

Ponendo questo tipo di domande colloquio, gli esaminatori si faranno un’idea del tuo stile di lavoro e di come preferisci interagire con i supervisori.

Si può capire perché questa è un’informazione utile per un supervisore: Se ti aspetti un supervisore molto attivo, ma la società cerca dipendenti che siano autonomi e trovino soluzioni in modo indipendente, potresti non essere adatto.

È vero anche il contrario: Alcune società preferiscono che supervisori e dipendenti lavorino insieme a stretto contatto.

Rispondi in modo positivo – non usare la tua risposta per criticare i manager del passato o lamentarti. Questo si rifletterà solo negativamente su di te.

Concentrati invece su ciò che ti permette di fare il tuo lavoro al meglio. Se hai avuto un supervisore efficace in passato, va bene lodare le buone qualità di gestione che ha dimostrato e che ti hanno aiutato a fare bene il tuo lavoro.

La tua risposta e le tue preferenze a riguardo daranno a un responsabile delle assunzioni una buona idea del vostro stile di lavoro.

 

22. Quali sono per te gli aspetti interessanti di questa azienda?

Uno dei motivi per cui i reclutatori fanno questa domanda è per determinare se hai fatto ricerche sull’azienda. Un candidato interessato ed entusiasta non solo conosce l’azienda, ma ne ha anche esplorato il background, la storia e la missione.

Inizia esaminando il sito web dell’azienda, specialmente la sezione “Chi siamo” e le pagine “Carriere” che di solito condividono informazioni sulla cultura aziendale. Cerca di conoscere i prodotti o i servizi, i clienti e qualsiasi risultato notevole o premio che l’azienda ha ricevuto.

Presta molta attenzione a ciò che l’azienda pubblica sui suoi account di social media, specialmente le notizie rilevanti del settore e i commenti o i feedback dei clienti.

Concentrarsi sui tuoi obiettivi di carriera e sui tuoi valori fondamentali per trovare somiglianze con quelli della società può aiutare i dirigenti a capire perché sei adatto al lavoro.

 

23. Perché dovremmo assumerti?

Domande colloquio come questa sembrano sfrontate (per non dire intimidatoria!) ma se ti viene posta, sei fortunato: non c’è occasione migliore per vendere te stesso e le tue capacità al responsabile delle assunzioni.

Il tuo compito qui è quello di creare una risposta che copra tre cose:
  • non solo puoi fare il lavoro, ma anche fornire grandi risultati;
  • ti adatterai davvero alla squadra e alla cultura aziendale;
  • saresti un’assunzione migliore di qualsiasi altro candidato.

Rispondi con fiducia, ma senza arroganza. L’importante è far capire in modo chiaro e onesto quali sono i tuoi punti di forza e come ti permettono di distinguerti dagli altri candidati.

 

24. Cosa puoi portare all’azienda?

Quando i responsabili fanno questa domanda, non vogliono solo sapere del tuo background. Vogliono vedere se capisci quali problemi e sfide stanno affrontando come azienda o settore e come ti integrerai nell’organizzazione esistente.

Leggi attentamente la descrizione del lavoro, fai le tue ricerche sull’azienda e assicurati di prestare attenzione nei tuoi primi colloqui per capire i problemi per i quali verresti assunto. Poi, la chiave è collegare le tue capacità ed esperienze con ciò di cui l’azienda ha bisogno e condividere un esempio che mostri come hai fatto un lavoro simile in passato.

 

25. Hai usufruito del nostro prodotto/servizio?

Non è il caso di essere colti alla sprovvista da questa domanda non avendo provato il prodotto o il servizio con cui vorresti lavorare.

Quindi, sapendo che questa è una domanda comune per il colloquio, sarebbe opportuno fare un giro di prova degli strumenti della società prima del colloquio, per quanto possibile.

Quando lo provate, prendete nota della vostra esperienza e condividete le specifiche durante il colloquio.

 

26. Come miglioreresti il nostro prodotto/servizio?

Ci vuole un po’ di diplomazia per orientare la tua risposta qui, poiché non vuoi implicare con la tua risposta che il prodotto o il servizio è inferiore agli standard. Tuttavia, proponendo una buona idea qui – per esempio, per una caratteristica aggiuntiva o altre “chicche” che i clienti potrebbero apprezzare – potresti guadagnare punti con i reclutatori per la tua creatività.

 

27. Saresti disposto a lavorare di notte e nei fine settimana?

I motivi per cui ti viene posta questa domanda sono molteplici:

  • Determinare se ti va bene lavorare su turni specifici
  • Valutare la tua capacità di gestire l’equilibrio tra lavoro e vita privata
  • Decidere se possono contare su di te come dipendente

Quando si risponde a domande sul lavoro a turni durante un colloquio, è necessario assicurarsi di presentare la propria risposta in modo professionale.

È quindi necessario parlare con il selezionatore in modo aperto e onesto. Questo significa riconoscere i potenziali problemi con gli orari dei turni o discutere in quali turni potresti contribuire con più energia.

Anche se hai alcune priorità che potrebbero influenzare la tua disponibilità, è importante che tu concluda la tua risposta parlando della capacità di adattarti a diverse situazioni di lavoro e di fare aggiustamenti alla tua vita personale per soddisfare le esigenze di turno.

Questo ti permette di presentarti come un candidato flessibile a un responsabile delle assunzioni e trasmette il tuo interesse a lavorare nella loro azienda.

 

28. Quale parte del lavoro pensi di poter svolgere in modo semplice?

Domande colloquio come questa servino a rivelare quali sono i punti sui quali sei più “ferrato”.

Dovresti pensare alla domanda nello stesso modo in cui lo faresti se ti chiedessero qual è il tuo più grande punto di forza.

Inizia rivedendo la descrizione del lavoro e scomponendo la posizione nelle sue componenti.

Poi, focalizza l’attenzione sulle parti del lavoro che sembrano aggiungere il maggior valore all’organizzazione e cerca una connessione con le tue capacità.

Puoi comunque guadagnare dei punti a tuo favore se fai coincidere le tue abilità con ciò che apprezzano di più.

Prova con un esempio in cui descrivi una situazione, le azioni che hai intrapreso, le competenze che hai utilizzato e i risultati che hai generato.

Avere più esempi ti dà una migliore possibilità di trovare un buon riscontro tra le tue abilità e quelle che loro considerano fondamentali per la posizione e per il successo della loro azienda.

 

29. Quale parte del lavoro pensi sarà più impegnativa per te?

Al contrario della domanda di prima, qui si parla dei tuoi punti deboli.

Quindi, analizza il lavoro da svolgere e pensa quali saranno i compiti più complicati per te in base alle esperienze passate. Meglio scegliere qualcosa che non sia indispensabile per portare a termine il tuo lavoro.

Quando si tratta di domande che richiedono di menzionare qualcosa di negativo, si può essere tentati di dare una risposta vaga che non riveli veramente alcun punto debole.

Tuttavia, schivare la domanda non è la strada giusta da percorrere.

Per prima cosa, il tuo reclutatore probabilmente noterà che non sei schietto. E in secondo luogo, può effettivamente essere utile per la tua candidatura essere a conoscenza delle lacune sulle quali dovrai lavorare.

 

30. Quali sono le tre cose più importanti per te in ambito lavorativo?

I datori di lavoro spesso fanno domande colloquio aperte per avere un quadro generale del tipo di dipendente che potresti essere.

Questo determinerà se i tuoi interessi e obiettivi professionali si adattano alla posizione per cui stanno assumendo e alla strategia dell’azienda nel suo complesso.

Con questa risposta hai una grande opportunità di dimostrare che sei un candidato perfetto per questa posizione.

  • Trasmetti la tua motivazione
  • Sii conciso e specifico
  • Considera l’azienda nel suo insieme
 

31. Descrivi la tua azienda perfetta

I datori di lavoro vogliono sapere che le tue preferenze lavorative e la tua personalità sono in linea con la loro azienda. Per questo motivo, spesso ti chiedono del tuo ambiente di lavoro ideale. Per rispondere in modo onesto ed efficace, è meglio fare una ricerca e prepararsi al meglio su ciò che si potrebbe dire.

La risposta a questa domanda è una cosa importante e più sei onesto, maggiori sono le possibilità di ottenere una posizione di successo in cui puoi lavorare al meglio.

Prima di rispondere ti consigliamo di fare questo:
  • Stabilisci qual è il tuo ambiente di lavoro ideale.
  • Cerca di capire quale risposta vorrebbero ricevere i tuoi capi
  • Fai una ricerca sul tuo potenziale datore di lavoro e sull’azienda
  • Prepara la tua risposta prendendo in considerazione tutti i punti precedenti
 
 

32. Come tratteresti un cliente arrabbiato o deluso?

Che si tratti di vendita al dettaglio, ospitalità, assistenza sanitaria, vendite aziendali o qualche altro settore, quasi tutti gli addetti ai lavori hanno incontrato un cliente irritato ad un certo punto della loro carriera. Anche se trattare con un cliente arrabbiato può essere impegnativo, può essere fatto in un modo da produrre risultati positivi per te stesso e la tua azienda. Trattare con il cliente in modo calmo, razionale e risolutivo può aiutarti a fare bene il tuo lavoro e a mantenere quel cliente.

È importante per l’azienda avere persone che riescano a comunicare con i clienti in modo calmo e risolutivo, se riuscirai a trasmettere fiducia a riguardo avrai sicuramente una grande chance di ottenere il posto a cui ambisci.

 

33. Preferisci lavorare da solo o in squadra?

Questa domanda del colloquio non ha davvero una risposta giusta o sbagliata. Ai datori di lavoro piace davvero conoscere i tipi di personalità dei loro candidati, soprattutto perché i diversi lavori possono richiedere lavoro indipendente, lavoro di squadra o un mix dei due.

Quando prepari la tua risposta a questa domanda, usa i passi seguenti per evidenziare i tuoi punti di forza e fornire esempi di come la tua personalità si adatti a ogni stile di lavoro:

  • Discuti dei vantaggi e degli svantaggi
  • Spiega la tua preferenza
  • Usa le tue esperienze passate per argomentare la preferenza
  • Fai riferimento alla descrizione del lavoro
  • Discuti della tua flessibilità in entrambi gli ambienti lavorativi
 
 

34. Quali strategie utilizzeresti per motivare la tua squadra? 

Nella tua risposta, è utile sottolineare che capisci che gli approcci motivazionali dovrebbero essere adattati al tipo di personalità. È utile differenziare il modo in cui potresti approcciare il personale che si comporta bene, rispetto a quello che si comporta male in ufficio.

Dimostra la tua consapevolezza di alcuni dei fattori comuni che aiutano ad aumentare la motivazione sul lavoro, come:

  • Riconoscere i successi
  • Dare feedback coerenti
  • Creare un contento di lavoro
  • Motivare gli altri nelle vendite
 
 

35. Cosa cercheresti in un candidato?

A volte il selezionatore ribalta la situazione e ti chiede chi assumeresti se tu fossi il datore di lavoro.

Questa domanda può sembrare difficile all’inizio. Ma è facile formulare una risposta forte se si pensa attentamente alla descrizione del lavoro e alla società.

Il primo passo per preparare una buona risposta a questa domanda è esaminare attentamente l’annuncio di lavoro e poi identificare i requisiti e le preferenze del datore di lavoro per la posizione.

Fai una lista delle abilità, qualità personali, aree di conoscenza e altre credenziali che pensi siano più importanti per la posizione. Cerca di concentrarti sulle capacità che sai di avere.

Un modo sicuro per sostenere la tua risposta è chiedere un feedback per vedere se hai dimenticato qualche considerazione importante.

Spiega come soddisfi i requisiti.

 

36. Descrivi il tuo capo ideale

In questa risposta vorrai sottolineare la tua capacità di lavorare in modo indipendente e la tua tranquillità nel prendere direttive da un capo. Non vorrai dare l’impressione di aver bisogno di troppa o troppa poca supervisione.

Racconta come hai avuto successo con diversi stili di supervisione nel tuo passato.

Una buona strategia è quella di andare sul sicuro e menzionare qualcosa di buono su entrambi i lati della questione, lavorando in modo indipendente vs. con un supervisore molto attivo.

Non lasciare intendere di avere aspettative irrealistiche per un manager sovrumano o che saresti troppo esigente come dipendente.

In casi come questo meno si dice, meglio è!

 

37. Sei disposto a viaggiare?

I datori di lavoro fanno queste domande sui viaggi per conoscere la tua flessibilità a riguardo. Se il lavoro per il quale ti sei candidato richiede numerosi viaggi nel corso del tempo, il selezionatore vorrà essere rassicurato sulla tua disponibilità.

Per rispondere a questa domanda devi prendere in considerazione questi elementi:
  • Sii onesto sulla tua disponibilità
  • Spiega i tuoi limiti
  • Poni delle domande
  • Parla delle tue esperienze passate
  • Evidenzia il valore aggiuntivo che potresti dare
 
 

38. Come sei organizzato?

I datori di lavoro fanno comunemente domande relative all’organizzazione perché è un’importante abilità che promuove la produttività e l’efficienza. Le persone che sono organizzate usano il loro tempo, la loro energia e le loro risorse in modo più saggio di quelle che non lo sono.

Segui questi passi per fornire una risposta esaustiva:
  • Descrivi ciò che funziona per te.
  • Spiega le tue strategie di gestione del tempo.
  • Dimostra il tuo livello di organizzazione.
  • Fornisci esempi del passato.
  • Sii onesto.

 

39. Qual è stato il tuo più grande successo personale?

Niente dice “assumimi” meglio di un curriculum ricco di risultati sorprendenti ottenuti nei lavori passati; quindi, non essere timido quando rispondi a questa domanda del colloquio!

Un ottimo modo per farlo è usare il metodo STAR: (Situation, Task, Action, Result) situazione, compito, azione, risultati.

Descrivi la situazione e il compito che ti è stato chiesto di completare per fornire un contesto di base. Poi descrivi ciò che hai fatto e ciò che hai ottenuto.

 

40. Quante palline da tennis puoi mettere in una limousine?

1,000? 10,000? 100,000? Seriamente? Beh, seriamente, è possibile che ti facciano domande rompicapo come queste. Ma ricorda che l’esaminatore non vuole necessariamente un numero esatto: vuole essere sicuro che tu capisca cosa ti viene chiesto, e che tu possa mettere in moto un modo sistematico e logico di rispondere. Quindi fai un respiro profondo e inizia a pensare alla matematica. (Sì, va bene chiedere carta e penna!)

 

 

41. Se tu fossi un animale, quale vorresti essere?

Domande apparentemente casuali del tipo “test della personalità” come queste si presentano nei colloqui perché i responsabili delle assunzioni vogliono vedere se sei in grado di pensare velocemente.

Non c’è una risposta sbagliata qui, ma guadagnerai subito punti bonus se la tua risposta ti aiuta a condividere i tuoi punti di forza o la tua personalità, oppure se ti aiuta a stabilire una connessione con il selezionatore.

In ogni caso dovrai usare la tua creatività e la tua genialità per distinguerti dagli altri candidati.

 

42. Hai qualche domanda per me?

Probabilmente sai già che un colloquio non è solo un’occasione per un responsabile delle assunzioni di torchiarti – è un’opportunità per capire se un lavoro è adatto a te, oppure no.

Tieni pronte alcune domande meno comuni.

Quelle più apprezzate sono le domande mirate al tuo esaminatore, o alla crescita dell’azienda, per esempio.

 

articoli scelti per te

condividi i nostri articoli

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on tumblr