malasanita-risarcimento-danni-e1432645428472-738x355

SALUTE-La Regione Lombardia nel progetto Europeo sull’e-health: più servizi...

History_011

INTERNAZIONALIZZAZIONE-Gruppo Fagioli: Simest entra nel capitale dell’americana Fagioli Inc

21 dicembre 2016 Commenti disabilitati Dalla home page

CROWDFUNDING-Scuter: c’è tempo fino al 20/03/2017 per il ciclomotore elettrico connesso in rete e in sharing

scuter-151021184358_medium

Scuter  accende i motori con MAMACROWD per la campagna di equity crowdfunding grazie alla quale, in Primavera, lancerà le prime flotte di ciclomotori tre ruote, elettrici e in sharing, nelle principali città italiane.

Completamente elettrico, Scuter, sempre connesso in rete, dotato di una sofisticata elettronica di bordo è disponibile esclusivamente in sharing ed incrocia trasversalmente i mercati della mobilità elettrica e della sharing economy

Nelle maggiori metropoli europee quasi 33 milioni di persone ogni giorno si muovono guidando per raggiungere il posto di lavoro o di studio, sprecando in media ciascuno 93 ore ogni anno nel traffico e sostenendo una spesa media di circa 2000€ a persona. Un mercato totale che arriva a toccare i 65 miliardi annuali. Questo genera inoltre un aumento costante di CO2 e di inquinamento atmosferico che non è possibile quantificare.

scuter_frontPer questo nasce Scuter, che da ieri, 20 dicembre, si affaccia sul mercato degli investitori sulla piattaforma di MAMACROWD con il claim di: “Save Time, Save Money, Save the Planet”.

Scuter alla Maker Faire European Edition di Roma!

Scuter alla Maker Faire European Edition di Roma!

Perché il tre ruote, ideato dalla omonima startup romana, è SMART, sempre CONNESSO IN CLOUD e permette di risparmiare tempo grazie alla sua maneggevolezza nel traffico ed all’intelligenza di bordo che indica percorsi alternativi nel traffico e segnala in tempo reale i cambiamenti della segnaletica stradale. È SOSTENIBILE perché essendo 100% ELETTRICO azzera le emissioni inquinanti. È disponibile esclusivamente in SHARING perché non esiste in commercio ma è prodotto solo per il trasporto condiviso. È ECONOMICO e CONVENIENTE anche per le tasche degli utenti: nessun costo di acquisto, di manutenzione, di assicurazione, di tasse e gestione rispetto ad un veicolo di proprietà.

Investire in Scuter significa investire in un mercato NUOVO ed in crescita esponenziale, grazie allo sviluppo della sharing economy e della mobilità elettrica. E inoltre, la legge di Bilancio 2017 riforma le agevolazioni per chi investe in startup, per tutti gli investitori le agevolazioni saranno del 30% senza differenza per tipologia di startup. E con Mamacrowd si investe direttamente online entrando nella piattaforma.

Obiettivo della campagna è raccogliere €150k per avviare l’attività B2B e testare veicolo e piattaforma in vista del lancio del servizio B2C.

Come spiega il CEO, Gianmarco Carnovale: «Scuter inizierà la sua attività sul mercato b2b. Offriremo il nostro servizio di flotte operative ad aziende che hanno collaboratori che si muovono (forza vendita, professionisti, servizi di delivery) offrendo l’opportunità di fornire ai propri dipendenti un mezzo che riduce i tempi di spostamento, può circolare nelle ZTL, è brandizzabile, facile da guidare, ed ha costi convenienti. Lanciare sul Business permette di avere costi di acquisizione clienti minori e di testare al meglio il mezzo. Successivamente andremo sul mercato consumer partendo da Roma per poi estendere ad altre città: il mezzo potrà essere prenotato, preso e parcheggiato ovunque all’interno del perimetro di servizio, si pagherà per il tempo di utilizzo».

 

Scuter è disegnato per lo sharing e come “vehicle as a service”. Lo scooter è particolarmente robusto, leggero e sicuro, a tre ruote. La struttura protettiva e la cintura di sicurezza consentono l’utilizzo senza dover indossare il casco, rimanendo protetti dalle intemperie e in caso di incidente. Il design essenziale e l’uso dell’alluminio permettono al veicolo di avere un peso complessivo inferiore a 100 kg, ossia oltre due terzi di meno rispetto a quello dei tre ruote presenti sul mercato, risultando dunque utilizzabile come mezzo agile da guidare e parcheggiabile, in estrema facilità, da chiunque.
Scuter è smart perché dotato di una piattaforma sempre connessa al cloud tramite rete 3G, che si interfaccia con lo smartphone dell’utente per la gestione dei servizi. 

Breve bio dei founders di Scuter:

Gianmarco Carnovale ( nella foto di apertura) – CoFounder – Chairman & CEO

Imprenditore seriale, intuito, idee e passioni con cui tenta di migliorare il mondo.

Gabriele Carbucicchio – CoFounder – CFO

Consulente aziendale, Immagina le città del futuro senza traffico ed inquinamento ma con tanti Scuter.

Carmine di Nuzzo – CoFounder – CDO

Imprenditore delle due ruote e designer. Ha disegnato il suo primo veicolo a 6 anni.

Alberto Piglia – CoFounder – CMO

Marketing executive con esperienze in società multinazionali

Luca Ruggeri – CoFounder – CTO

Ingegnere con esperienze in multinazionali delle TLC. Ama tutto ciò che funziona a batteria e in cloud

 

 

 

CHI INVESTE IN SCUTER INVESTE NEL FUTURO

Iniziate a provare l’ebrezza dell’elettrico su: https://mamacrowd.com/projects/108/scuter?utm_source=scuter&utm_medium=organico&utm_content=lancio-cs&utm_campaign=scuter

Comments are closed.