PMI-Crediti Pa: Passera, dimezzare debiti in 12 mesi

PMI-Moratoria: ok da oltre l’80% delle banche

29 marzo 2012 Comments (0) Dalla home page

IMMIGRATI-Colf e badanti: imprese di comunità a Napoli

Imprese di comunita, formate da famiglie che usufruiscono del lavoro di cura degli immigrati. E il progetto promosso dall’Assessorato alle politiche sociali e l’immigrazione del Comune di Napoli e che verra approvato nell’ambito del Piano sociale di zona.

L’iniziativa si integra con un progetto di Italia Lavoro che prevede la riqualificazione di colf e badanti stranieri e il finanziamento degli oneri contributivi necessari a regolarizzarli su tutto il territorio della regione Campania. “Si tratta di un programma – spiega l’assessore Sergio D’Angelo – per la creazione e la promozione di imprese di comunita formate da famiglie, datrici di lavoro di colf e badanti immigrati, al fine di favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro”.

Le imprese autogestiranno la selezione, la reperibilita, le ferie e le sostituzioni di colf e badanti e ne promuoveranno la formazione e riqualificazione professionale. Una funzione importante attesa dal progetto e l’emersione del lavoro nero, potranno infatti partecipare anche le famiglie che gia usufruiscono del lavoro di cura di un collaboratore migrante senza averlo ancora regolarizzato.

Il progetto verra implementato con la creazione iniziale di 10 imprese di comunita, una per ogni municipalita della citta di Napoli: verra bandito un avviso pubblico per selezionare 10 associazioni, una per municipalita, che svolgeranno il ruolo di tutor delle imprese sociali. Si conta di coinvolgere circa mille famiglie e altrettanti migranti grazie a una grande campagna di comunicazione.

Il Comune di Napoli si impegnera nel progetto con un finanziamento di 500mila euro che coprira le spese della creazione e della gestione del servizio delle imprese di comunita, la formazione delle famiglie e parte della riqualificazione professionale di colf e badanti.

Italia Lavoro finanziera il progetto con 2 milioni di euro destinati a cofinanziare con il Comune di Napoli la formazione di colf e badanti e a finanziare per il primo anno gli oneri contributivi necessari a regolarizzare i migranti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.