TRASPORTI – Aerei: Matteoli, presto body scanner a Fiumicino...

AMBIENTE – Biodiversità: parchi sono “ricchezza inestimabile”

5 gennaio 2010 Comments (0) News

UE – Terrorismo: giovedì vertice per i body scanner

La Commissione europea ha deciso di riunirsi giovedi 7 gennaio per decidere se installare in tutti gli aeroporti europei i dispositivi che mettono “a nudo” i passeggeri.

Martedi 5 gennaio in cui i ministri degli Esteri Frattini e degli Interni Maroni hanno reso nota la posizione favorevole del Governo italiano all’utilizzo dei body scanner negli aeroporti italiani, la Commissione ha ufficializzato la riunione straordinaria del Comitato per la sicurezza aerea europea. In quest’occasione un gruppo di esperti provenienti dai ventisette Paesi membri dovra discutere della possibilita di introdurre in tutti gli scali dell’Unione gli scanner corporali, degli strumenti in grado di vedere il corpo nudo dei passeggeri e di rilevare cosi oggetti eventualmente nascosti sotto i vestiti.

L’utilizzo di questi dispositivi e in discussione da una decina di giorni, in seguito al fallito attentato sul volo Amsterdam-Detroit del ventitreenne Umar Farouk Abdulmutallab, che aveva nascosto ottanta grammi del pericolosissimo esplosivo Petn nel cavallo delle proprie mutande, senza pero riuscire a farlo esplodere.

I Governi olandese e britannico hanno gia annunciato che provvederanno a installare “il piu rapidamente possibile” i body scanner negli aeroporti dei due paesi, in particolare per controllare tutti i passeggeri in partenza verso gli Stati Uniti, e Amsterdam vorrebbe renderli obbligatori anche su tutti i voli europei.

Gli scanner corporali erano stati previsti dalla Commissione in una proposta di direttiva sulla sicurezza aerea, ma nell’ottobre del 2008 erano stati respinti a larga maggioranza dal Parlamento europeo e quindi eliminati dal testo finale. La principale obiezione mossa dagli eurodeputati era stata quella del rispetto della privacy, trattandosi di una misura particolarmente invasiva nei confronti della dignita e della riservatezza delle persone.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.