SENATO – Stabiltà: in aula da lunedì prossimo con...

REGIONI – Lazio: pendolarismo, ok da Commissione Mobilità a...

4 dicembre 2010 Comments (0) News

UE – Ricerca: OpenAire apre l’accesso ai risultati scientifici europei

I ricercatori, le imprese e i cittadini dell’Unione europea possono accedere gratuitamente e liberamente ai documenti relativi alle attivita di ricerca finanziate dalla Ue grazie al progetto OpenAire (Open Access Infrastructure for Research in Europe), che la Commissione europea ha lanciato presso l’Universita di Gand in Belgio. OpenAire costituira una rete di archivi aperti in grado di offrire gratuitamente un accesso online alla conoscenza prodotta da ricercatori che hanno ottenuto sovvenzioni da parte del settimo programma quadro (7°Pq) e dal Consiglio europeo della ricerca (Cer), in particolare nei settori della salute, dell’energia, dell’ambiente, della tecnologia dell’informazione e della comunicazione, delle infrastrutture di ricerca, delle scienze sociali, degli studi umanistici e della scienza nella societa. Si tratta di un passo importante verso un pieno e libero accesso a documenti scientifici che potrebbero, ad esempio, offrire ai pazienti che soffrono di malattie rare la possibilita di accedere agli ultimi risultati della ricerca medica o fornire ai ricercatori aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi nel loro settore di competenza. Lo sviluppo delle infrastrutture di ricerca e delle infrastrutture elettroniche, incluse quelle relative ai risultati della ricerca scientifica, allo scopo di dare un impulso decisivo alla competitivita dell’Europa, costituisce una priorita sia della Agenda europea del digitale, sia dell’iniziativa “L’Unione dell’innovazione”.

In base alle condizioni di finanziamento previste dal 7°PQ, i ricercatori che ricevono finanziamenti Ue nei settori della salute, dell’energia, dell’ambiente, della tecnologia dell’informazione e della comunicazione, delle infrastrutture di ricerca, delle scienze sociali, degli studi umanistici e della scienza nella societa, devono depositare il testo completo delle loro pubblicazioni di ricerca in un archivio open access, che sara permanentemente a disposizione del pubblico in tutto il mondo. Si tratta di circa il 20% di tutti i progetti finanziati dal 7°PQ. Anche i ricercatori che operano in altri settori possono scegliere di rendere disponibili i loro testi nell’archivio open access.

Maggiori informazioni su: http://www.openaire.eu/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.