NOMISMA – I prossimi eventi dal 10 settembre al...

MADE IN ITALY – Parma alimentare negli Autogrill francesi

9 settembre 2009 Comments (0) News

UE – Eurostat: si investe poco in Ricerca e Sviluppo

Nell’Europa a 27, nel 2007 sono stati spesi poco meno di 229 miliardi di euro

Secondo gli ultimi dati pubblicati da Eurostat in Europa si spende troppo poco in ricerca, gli investimenti sono ancora sotto 2% del Pil, mentre l’obiettivo della strategia di Lisbona per il 2010 e del 3%.  Nell’Europa a 27, nel 2007 sono stati spesi poco meno di 229 miliardi di euro, che corrispondono all’1,85% del PIL europeo, in linea con quanto speso nel 2006.

L’Italia nel 2006 ha speso quasi 17 miliardi di euro, ossia l’1,13% del PIL. Non sono stati resi disponibili i dati del 2007. La Germania (con 62 miliardi ed il 2,54% del PIL), la Francia (con 39 miliardi ed il 2,08% del PIL) e il Regno Unito (con 37 miliardi ed il 1,79% del PIL), detengono il 60% della spesa totale per Ricerca e Sviluppo nell’Unione europea nel 2007.
Il Nord da il buon esempio in Europa, in particolare la Svezia (3,6% del PIL), la Finlandia (3,47%), l’Austria (2,56%) e la Danimarca (2,55%). Male invece Cipro (0,45%), Slovacchia (0,46%), Bulgaria (0,48%) e Romania (0,53%).
Gli aumenti maggiori – tra il 2001 e il 2007 – sono stati rilevati in Austria (dal 2,07% del PIL al 2,56%), in Estonia (dal 0,71% al 1,14%) e in Portogallo (dal 0,80% al 1,18%)
A livello occupazionale, nell’Ue i ricercatori nel 2007 rappresentavano quasi l’1,6% del totale dei lavoratori per un totale di 2,3 milioni di persone. Le percentuali piu elevate sono state rilevate in Finlandia (3,2% dell’occupazione totale), in Svezia (2,7% nel 2005), nel Lussemburgo (2,6% nel 2005), in Danimarca (2,4% nel 2006) e in Austria (2,1% nel 2006 ).
Le piu basse fanno riferimento a Romania (0,5%), Bulgaria (0,6% nel 2006), Cipro (0,7% nel 2006), Polonia (0,8%) e Portogallo (0,9% nel 2005).
Tra il 2004 e il 2006 non ci sono stati grandi cambiamenti nei dati rilevati, i quali rivelano che il 39% delle imprese europee con almeno 10 dipendenti nei settori Industria e Servizi ha intrapreso qualche attivita di innovazione, in primis le imprese (63%) di Germania, Belgio (52%), Austria e Finlandia (51%) e Lussemburgo (49%).
Fanalini di coda, invece, Lettonia (16%), Bulgaria e Ungheria (20%), Romania (21%) e Lituania (22%). In Italia la percentuale e stata del 34,6%.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.