WEEKEND – Lombardia: a Pavia tra vini e altri...

REGIONI – Piemonte: filiera corta mense aziende e scuole

4 ottobre 2009 Comments (0) News

UE – Clima: ministri finanze d’accordo per misure economiche

Borg: abbiamo incoraggiato Commissione su tassazione dei prodotti energetici

Nella sessione di lavoro del Consiglio informale Ecofin, i ministri delle finanze dell’Ue hanno discusso anche di cambiamento climatico. Ecco cosa si legge nel comunicato finale della presidenza di turno svedese dell’Ue : “La sessione sul cambiamento climatico e stata dedicata a due temi differenti: gli strumenti economici redditizi ed il finanziamento della lotta contro il cambiamento climatico. I ministri hanno sottolineato il ruolo centrale degli strumenti economici nel lavoro effettuato per pervenire alle riduzioni necessarie di gas serra”. Un certo numero di ministri ha accolto anche l’idea di mettere in campo una carbon tax al fine di diminuire gli scarichi emessi da settori esterni al sistema comunitario di scambio delle quote di emissione. I ministri hanno condotto una discussione attiva ed arricchente sulla questione del finanziamento delle misure di lotta contro il cambiamento climatico. Hanno reiterato l’intenzione dell’Ue di pervenire all’adozione di un accordo ambizioso e d’insieme a Copenhagen in dicembre. Essi hanno anche ammesso che occorrera molto presto delegare maggiori mezzi finanziari per la lotta contro i cambiamenti climatici.
Particolarmente soddisfatto dei risultati dell’Ecofin si e detto il ministro delle finanze svedese, Anders Borg (a destra nella foro) che ha tirato le fila della discussione: «l’Ue e pronta ad assumersi la sua parte di responsabilita nel finanziamento della lotta contro il cambiamento climatico. Abbiamo avuto degli scambi di punti di vista molto costruttivi. Abbiamo incoraggiato la Commissione (europea) a proporre un esame necessario della direttiva esistente sulla tassazione dei prodotti energetici. Il Consiglio Ecofin proseguira le discussioni su questo soggetto durante la prossima riunione del 20 ottobre, in vista del Consiglio europeo del 29 e 30 ottobre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.