SALVA ILVA-Emendamento Governo: deve poter produrre

PAREGGIO BILANCIO – Camera: ok unanime. Va al Senato...

12 dicembre 2012 Comments (0) Dalla home page

UE-Brevetto: -80% costi ma Italia è fuori. Squinzi, entrare!

Con il voto del Parlamento Ue e l’approvazione da parte del Consiglio, la protezione brevettuale in Europa fa un deciso passo in avanti verso un sistema piu semplice, piu efficiente e meno costoso. Cosi Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria ha commentato l’approvazione di un brevetto unitario. Dopo oltre 30 anni di discussioni, il nuovo regime tagliera i costi di un brevetto Ue fino all’80%, rendendolo competitivo nei confronti di Usa e Giappone e gli eurodeputati hanno ottenuto la riduzione dei costi per le piccole e medie imprese e disegnato il nuovo sistema per rispondere alle loro necessita, in un compromesso con il Consiglio approvato ieri, martedi 11 dicembre. E, in tre votazioni distinte, gli eurodeputati hanno approvato il cosiddetto “pacchetto brevetto” (brevetto unitario, regime linguistico e tribunale unico).

L’Italia, insieme alla Spagna, non partecipa alle nuove regole. Infatti, l’accordo promuove innanzitutto l’utilizzo della lingua inglese come lingua europea dei brevetti – anche se sara sempre possibile ottenere un brevetto anche in francese o in tedesco – e verranno rimborsati interamente i costi di traduzione alle Pmi. “Siamo particolarmente soddisfatti dell’accordo siglato con il voto del Parlamento europeo”, ha affermato il presidente di Confindustria sottolineando il ruolo positivo giocato proprio dal Parlamento nella fase finale del negoziato, quando ha ottenuto il rimborso totale delle spese di traduzione per le Pmi, le organizzazioni no profit, le universita e le organizzazioni pubbliche di ricerca con sede nell’Ue.

Infatti, si potra richiedere un brevetto unitario all’Ufficio europeo dei brevetti. Poiche il brevetto sara disponibile in inglese, francese e tedesco, le domande dovranno essere redatte o accompagnate da una traduzione in una di queste tre lingue. Gli eurodeputati hanno anche garantito che le tasse di rinnovo, che rappresentano una grossa fetta delle spese complessive, siano stabilite a un livello che tenga conto delle necessita particolari delle Pmi, per far si che esse possano beneficiare dei costi ridotti.

“Finalmente i Paesi dell’Unione Europea colmano – ha spiegato Squinzi – la distanza con gli Usa e il Giappone, dove brevettare costa dieci volte meno, e si dotano di meccanismi, sicuramente perfettibili ma che consentiranno di ottenere un brevetto valido in 25 Paesi con un’unica procedura, a costi molto piu ridotti degli attuali e, soprattutto, di avere una giurisdizione unica in caso di controversie, senza doversi rivolgere a un tribunale diverso per ogni Paese”.

“Se la Corte di Giustizia Ue seguira le conclusioni odierne dell’avvocato generale, che raccomanda di bocciare i ricorsi presentati da Italia e Spagna, e importante e urgente – ha sottolineato Squinzi – che in tempi brevi il nostro Paese aderisca pienamente al nuovo brevetto unico europeo, come le imprese chiedono da tempo”.

Il nuovo brevetto sara meno caro e piu efficace del sistema attuale nel proteggere le invenzioni di persone e imprese. Il nuovo sistema offrira automaticamente protezione in tutti i 25 Stati membri che partecipano, tagliando cosi i costi per le aziende Ue e migliorandone la competitivita. Il sistema di brevetti attuale “e una vera e propria tassa sull’innovazione – ha affermato l’italiano Raffaele Baldassarre (Ppe), relatore per il regime linguistico del nuovo brevetto unitario – misure specifiche di compensazione totale per le traduzioni e una protezione giuridica supplementare in caso di accuse di contraffazione” sono state introdotte su richiesta del Parlamento Ue.

L’accordo internazionale che crea il tribunale unico entrera in vigore il 1° gennaio 2014 o dopo che Francia, Germania e Gran Bretagna, piu altri 10 paesi, ne abbiano completato la ratifica. Gli altri due atti entreranno in vigore dal 1° gennaio 2014 o dalla data di entrata in vigore dell’accordo internazionale. La Spagna e l’Italia sono per il momento escluse dal nuovo regime di brevetti, ma potranno scegliere di parteciparvi in qualsiasi momento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.