IMPRESE – Emilia Romagna: formazione per oltre 100mila...

IMPRESE – Debiti Pa: Marcegaglia, Stato deve 70 mld....

20 gennaio 2012 Comments (0) News

IMPRESE – Sociali: in crescita grazie a un progetto Ue

“Le imprese sociali realizzano concretamente proprio quel tipo di crescita intelligente, inclusiva e sostenibile che oggigiorno riteniamo tanto importante per l’economia europea. Le nuove misure che proponiamo contribuiranno all’espansione di queste imprese in Europa, garantendo loro i necessari finanziamenti affinche possano crescere, soprattutto in questo periodo di crisi”. Con queste parole, espresse da Michel Barnier, commissario responsabile per l’Unione Europea del Mercato interno e dei servizi, si chiudeva un comunicato dello scorso dicembre da parte della Commissione europea.

Il comunicato stampa, dal titolo “Nuove misure per incentivare i finanziamenti all’imprenditoria sociale”, si rivolgeva alla presentazione di una nuova proposta di regolamento da parte della Commissione europea. Seconda questa, introdurre un nuovo marchio legato al fondo europeo per l’imprenditoria sociale, permetterebbe di specializzare i finanziamenti verso imprese europee a carattere sociale.

Questo interessamento e dovuto al fatto che le imprese sociali, ovvero quelle “che hanno un impatto positivio sul piano sociale e perseguono obiettivi sociali come scopo societario piuttosto che mirare al solo profitto”, incidono nella misura del 1°% in tutte le imprese europee, e creano 11 milioni di posti di lavoro retribuiti.

Questo anche grazie ai contributi pubblici, ma non solo visto, visto che le imprese sociali in Europa operano anche tramite finanziamenti privati. I quali, sempre a detta della Commissione Europea, “sono tuttavia ancora un rarita o comunque sono insufficienti”.

Un “marchio” interno all’UE e una libera commercializzazione di beni, servizi, persone e capitali attraverso le imprese sociali rendera l’Unione Europea piu competitiva, inserendo una maggiore scelta di consumi e di consumatori che avra come unici risultati la creazione di posti di lavoro e l’aumenti dei benefici e dei profitti per tutte le aziende.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.