ENERGIA-Quarto conto: dal 2012 cambiano le tariffe

LAVORO-Pensione: valgono anche i periodi inferiori a 3 anni

3 gennaio 2012 Comments (0) Dalla home page

UE-Energie rinnovabili: fondi per 67 mln per il 2012

Efficienza energetica e utilizzo delle fonti rinnovabili sono i capisaldi del nuovo bando “Intelligent Energy Europe”, pubblicato dall’Unione europea. Per l’annualita 2012 sono stati messi disposizione di imprese e enti locali 67 milioni di euro. Le domande devono essere presentate entro l’8 maggio 2012. Al momento i documenti disponibili sono esclusivamente in inglese ma a breve gli interessati potranno consultare il bando anche in lingua italiana. Ecco, comunque, i dettagli del provvedimento.

Sono previste tre azioni: Efficienza energetica e uso razionale delle risorse energetiche, denominata Save; Fonti di energia nuove e rinnovabili (Alter); Energia e trasporti (Steer). Sono ammesse anche iniziative integrate che combinino soluzioni previste da misure differenti. Nell’ambito dell’azione Save possono presentare proposte solo le aziende poiche promuove l’efficienza nei settori di edilizia e industria.

Di interesse prevalente per le imprese la linea denominata Alter che prevede promozione delle fonti energetiche nuove e rinnovabili per la produzione centralizzata e decentrata di elettricita, calore e raffreddamento, sostegno alla diversificazione delle fonti energetiche, integrazione delle fonti d’energia nuove e rinnovabili nell’ambiente locale e nei sistemi energetici. Il terzo blocco di opportunita e rivolto al comparto dei trasporti e puo avere evoluzioni positive per i consumatori oltre che per le aziende. Sostiene infatti iniziative riguardanti tutti gli aspetti energetici dei trasporti e la diversificazione dei carburanti e promuove i carburanti rinnovabili e l’efficienza energetica nell’ambito dei sistemi di mobilita privati e pubblici.

Entro il 2020 il settore edile dovra essere in grado di costruire edifici, sia per uso pubblico che privato, a impatto zero per l’ambiente e autosufficienti dal punto di vista dell’approvvigionamento energetico. Secondo quanto si legge nel bando appena pubblicato una parte del fondo da 67 milioni di euro stanziato da Bruxelles deve essere investita per aumentare il numero di operatori qualificati e di imprese specializzate.

Il criterio di autosufficienza viene esteso anche ai siti produttivi di tipo industriale cosi da consentire una riduzione dei costi fissi, sempre piu penalizzanti per il panorama economico nazionale e in particolare del Mezzogiorno e della Campania. Le scadenze per questa misura sono fissate al 9 febbraio 2012 se la domanda viene presentata da imprese dello stesso Paese, in forma esclusivamente associata, e al 30 aprile 2013 nel caso di soggetti associati che provengono da Stati diversi dell’Unione.

Ogni progetto ammesso a finanziamento ottiene la copertura del 75% dei costi mentre nel caso degli edifici a impatto zero la quota sale fino al 90%. Per le domande bisogna attendere le prossime settimane, quando saranno resi noti i punti di contatto in Italia.

E’ gia possibile acquisire informazioni attraverso il portale web dedicato al programma (ec.europa.eu) o chiamare direttamente al numero +32 2333760 e parlare con i funzionari che si occupano degli incentivi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.