PMI-Sostegno alle imprese su lavoro e internazionalizzazione: accordo tra...

LAVORO-Tra inattività e part-time, le donne nel mercato del...

8 marzo 2019 Comments Off on SVILUPPO-“Le stime Ocse colpo al cuore per imprese e Mezzogiorno. Agire subito per porre rimedio. Sostegno alla competitività e politiche attive per il lavoro”: dich. Chiara Montefrancesco Vicepresidente nazionale CNA Dalla home page

SVILUPPO-“Le stime Ocse colpo al cuore per imprese e Mezzogiorno. Agire subito per porre rimedio. Sostegno alla competitività e politiche attive per il lavoro”: dich. Chiara Montefrancesco Vicepresidente nazionale CNA

“Meno di un mese fa i dati Istat sul crollo del fatturato industriale. Oggi, dopo l’Istat che ieri ha confermato la recessione tecnica anche nel secondo semestre 2018, l’Ocse taglia le stime del nostro pil per l’intero 2019 declassandolo a -0.2%. Un colpo al cuore per le imprese italiane, soprattutto quelle medie, piccole e piccolissime. E una previsione che ovviamente non può che riflettersi in modo pesantissimo sulle economie del Mezzogiorno, aumentando il gap nord-sud.

Per questo è necessario agire da subito per porre rimedio e argine. Non a caso due giorni fa, nel corso delle audizioni alla Camera sul Reddito di Cittadinanza, R.ete. Imprese Italia, e con lei CNA, hanno voluto ribadire, ancora una volta, l’agenda da assumere senza tentennamenti, perché ne va del futuro del nostro Paese, indicando il lavoro di cittadinanza come priorità assoluta. E nei giorni scorsi CNA ha sottolineato con forza l’urgenza di una politica economica che metta nuovamente al centro delle scelte la manifattura, agevolando gli investimenti in innovazione, ricerca e sviluppo e riducendo il costo del lavoro, per accrescere la competitività del sistema produttivo. Competitività che adesso diviene il grado zero per reggere l’urto di questa gravissima congiuntura.
Politiche per il lavoro, l’occupazione, competitività e tenuta sui mercati mondiali delle nostre imprese, investimenti, formazione professionalizzante, contrasto dell’occupazione irregolare e della concorrenza sleale nei confronti delle pmi: sono queste le direttrici prioritarie su cui agire.
Vincendo tutte le difficoltà che ogni giorno abbiamo davanti, i nostri imprenditori garantiscono tenuta e coesione sociale, lavoro e occupazione di qualità a volte anche con ruoli di supplenza: per questo sostenerle significa sostenere il Paese e investire sul suo futuro. Che va alimentato con politiche attive e non assistenziali”.

Così Chiara Montefrancesco, vicepresidente nazionale CNA e Vicepresidente Osservatorio Banche-Imprese di Economia e finanza, a proposito delle previsioni del pil italiano diffuse stamane dall’Ocse.

 

Comments are closed.