INNOVAZIONE-Progetto WarmEat: vince l’edizione 2018 dello Startup Weekend di...

CONTRAFFAZIONE-Commercio di prodotti contraffatti e zone franche

15 marzo 2018 Comments Off on STARTUP-MiMoto: lo scooter sharing sostenibile e made in Italy Dalla home page

STARTUP-MiMoto: lo scooter sharing sostenibile e made in Italy

MiMoto, startup italiana fondata da tre giovani under 35. Alessandro VincentiVittorio Muratore e Gianluca Iorio propongono una soluzione di scooter sharing diversa del comune, orientata verso la sostenibilità ma anche verso la semplicità di utilizzo del servizio offerto dalla piattaforma MiMoto.

MiMoto offre una flotta di un centinaio di e-Scooter,omologati per due persone e con due caschi posizionati nel bauletto. Tutti i veicoli sono elettrici e quindi ecosostenibili al 100%: sono caratterizzati altresì dal loro essere “easy-to-use”, facilità garantita dalla leggerezza del mezzo progettato appositamente per la mobilità urbana.

l noleggio di un e-scooter MiMoto è semplicissimo, basta avere con sé uno smartphone Android o iOS. Direttamente dall’applicazione dedicata, infatti, è possibile – all’interno del perimetro del centro della città di Milano – localizzare un veicolo disponibile, prenotarlo e iniziare ad utilizzarlo. Una delle peculiarità del servizio pensato dai tre giovani è quello di essere “free floating”: una volta terminato l’utilizzo, infatti, sarà possibile lasciare l’e-Scooter in qualsiasi punto dell’area operativa, sempre osservando le leggi stradali.

“Un servizio dunque a zero emissioni, in grado di salvaguardare la salute dell’ambiente e di tutti i cittadini milanesi già sensibili a questa tematica, che contemporaneamente si renda portavoce dell’italianità dei materiali, dei servizi e delle aziende”  hanno sintetizzato i fondatori. Oltre all’essere completamente “Made in Italy” e sostenibile, il servizio offerto da MiMoto è quello di essere particolarmente orientato verso un pubblico giovane, magari di universitari che si trovano quotidianamente a dover far fronte al traffico milanese e attenti ad uno stile di vita “green”

Fonte: Business.it

 

Comments are closed.