PETROLIO-Scandalo in Basilicata: Federpetroli, hanno ridotto l’ENI una pattumiera,...

SOSTENIBILITA’-Regeneration 2016: conferenza sull’edilizia “ a prova di futuro”....

1 aprile 2016 Comments Off on STARTUP-Glovo: arriva in Italia con aquisizione di Foodinho Dalla home page

STARTUP-Glovo: arriva in Italia con aquisizione di Foodinho

Glovo, startup nata a Barcellona nel marzo 2014, annuncia l’acquisizione di Foodinho – la piattaforma di food delivery milanese – per introdurre i propri servizi nella città di Milano, iniziando così il processo di espansione a livello internazionale con l’ambizione di diventare il marketplace di riferimento per la fornitura di servizi di delivery in meno di un’ora, per qualsiasi tipologia di bene.

Matteo Pichi (nella foto di apertura), fondatore di Foodinho, e Oscar Pierre, fondatore e CEO di Glovo, hanno siglato l’accordo che rappresenta il punto di partenza di Glovo a Milano. A seguito di questa operazione di acquisizione cash, che ha soddisfatto ampiamente gli investitori della start up, Matteo Pichi ricoprirà il ruolo di Country Manager di Glovo in Italia e sarà il portavoce ufficiale. Il suo contributo sarà fondamentale per la crescita e l’espansione della società nel nostro Paese. Matteo ha così commentato: “L’Anything Delivery rappresenta già un fenomeno a livello globale. Glovo, pioniere di questa tendenza ha dimostrato in poco tempo di avere tutte le carte in regola per imporsi sul mercato Europeo. Sono lieto che Foodinho e la nostra selezione di ristoranti e di bike messenger professionisti siano state scelti per sviluppare il business internazionale di Glovo, partendo da Milano.”

Obiettico diventare il marketplace di riferimento per la fornitura di servizi di delivery in meno di un'ora, per qualsiasi tipologia di bene

Obiettico diventare il marketplace di riferimento per la fornitura di servizi di delivery in meno di un’ora, per qualsiasi tipologia di bene

Oscar Pierre, fondatore e CEO di Glovo ha dichiarato: “Poter arrivare sul mercato milanese grazie a questo accordo ci permette di partire al meglio. Il mercato italiano offre un’ottima opportunità di business in questo settore e il nostro obiettivo è quello di portare qui in Italia lo stesso servizio che stiamo già offrendo con successo in Spagna”.

Glovo, che ha chiuso il 2015 con un fatturato di 260.000 € (superiore del 30% rispetto alle previsioni), avvierà nei prossimi mesi le proprie attività anche a Parigi.

La start up spagnola ha iniziato a offrire i suoi servizi a Barcellona, dopo la chiusura di un primo round di finanziamenti di 140.000 euro. Nel settembre dello stesso anno, l’azienda ha avviato il proprio business nelle città di Madrid e Valencia, replicando lo stesso successo ottenuto a Barcellona. Alla fine dell’anno, Glovo ha annunciato un round di investimenti di oltre 2 milioni di euro che ha consentito di muovere così i primi passi anche in altri Paesi.

Da oggi, grazie all’arrivo di Glovo sul territorio italiano, i milanesi potranno acquistare nella loro città tutto ciò di cui hanno bisogno e riceverlo ovunque essi si trovino in pochi minuti. Oscar Pierre, fondatore e CEO di Glovo, ha affermato: “Ci troviamo in un momento particolarmente importante per la crescita del nostro brand. Siamo entusiasti di iniziare a offrire i nostri servizi a Milano, abbiamo lavorato molto duramente per espandere i servizi di Glovo al di fuori dei nostri confini e continueremo a farlo per facilitare la vita ai nostri clienti che potranno avere direttamente sulla porta di casa propria tutto ciò di cui hanno bisogno, in pochi minuti. ”

 

A proposito di Glovo

Glovo è un’app che ti permette di acquistare qualsiasi prodotto e riceverlo in pochi minuti, ovunque. Il progetto nasce con l’obiettivo di trasformare il modo in cui gli utenti acquistano ciò di cui hanno bisogno attraverso l’ottimizzazione delle risorse e offrendo immediatezza. L’applicazione connette i clienti che vogliono acquistare, ricevere o andare a prendere un prodotto, con i fattorini disposti ad aiutarli in meno di 60 minuti. Ad oggi, il servizio è disponibile a Barcellona, Madrid e Valencia. Ora anche a Milano e presto a Parigi.

 

Comments are closed.