STARTUP-Veranu: tra le 10 startup vincitrici della Finale Nazionale...

LAVORO-Attestazione rilasciata dalle associazioni professionali: Colap, strumento reale di...

7 dicembre 2016 Comments Off on STARTUP-Eucardia: con un dispositivo innovativo per l’insufficienza cardiaca vince il Premio Marzotto Dalla home page

STARTUP-Eucardia: con un dispositivo innovativo per l’insufficienza cardiaca vince il Premio Marzotto

E’ una  startup innovativa cresciuta tra Modena e Milano, che, alla sesta edizione del Premio Gaetano Marzotto, si è aggiudicata l’ambito Premio per l’Impresa: 300mila euro più un percorso di affiancamento con CUOA.

I fondatori di Eucardia sono il professor Roberto Parravicini, cardiochirurgo di Milano e ordinario all’Università di Modena e Reggio Emilia, e la figlia Francesca che spiega che la startup è nata tra 2013 e 2014 dall’idea, poi brevettata, di mio padre, cardiochirurgo di Milano, che ha operato più di 10mila persone tra Italia e Stati Uniti. Ha inventato un dspositivo rivoluzionario.e  per svilupparlo ho pensato di creare una startup”.

La startup oltre al premio della fondazione Marzotto ha già un milione di euro da investitori privati e venture capital. Obiettivo, sottoporre il dispositivo a prove fisiche, meccaniche di durata per dimostrarne efficacia e sicurezza, e proseguire con i test.

L’innovazione

L’insufficienza cardiaca è una malattia cronica e progressiva. Il cuore non riesce a pompare sangue a sufficienza. Quando la malattia è a uno stadio per cui i farmaci non bastano ma non è possibile effettuare il trapianto di cuore, si ricorre a dispositivi di assistenza ventricolare (Vad). I Vad sono invasivi, sono alimentati elettricamente e dipendono da un’unità di controllo esterna, che rende elevato il rischio di sepsi (setticemia). Il nostro Heart Damper non ha bisogno di cavi, batterie o unità esterne. Funziona sfruttando la potenza contrattile residua del cuore. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita dei pazienti, rendendoli autonomi e attivi».

 

Foto di apertura: nel team c’è anche il Ceo Marco Bottaro e la project manager Caterina Turrisi (foto di Davide Bartolai)

Comments are closed.