REGIONI-Leggi: esaminate 18 di cui 5 impugnate

FISCO-Delega: riforma catasto e tasse sulle imprese

11 ottobre 2012 Comments (0) Approfondimenti

STABILITA’-Aliquote fiscali: sconto fino a 28mila euro

Sconto da 150 euro all’anno in meno per chi ne dichiara 15mila, da 200 euro per chi ne guadagna 20mila e da 280 per chi denuncia al fisco redditi da 28mila euro in su. E’ l’entita degli sconti che dal 2013 il disegno di legge di stabilita, approvato martedi notte dal Governo offre ai contribuenti Irpef con la limatura di un punto delle aliquote applicate ai due scaglioni di reddito piu bassi.

Lo sconto, che si applichera a partire dai soldi guadagnati dal prossimo 1° gennaio, riduce dal 23% al 22% l’aliquota dedicata ai redditi fra 0 e 15mila euro annui, e dal 27% al 26% quella rivolta ai guadagni fra 15.001 e 28mila euro, lasciando invariato il resto dell’architettura dell’Irpef. In base al meccanismo progressivo dell’imposta sui redditi, la riduzione riguarda anche chi guadagna di piu, ma naturalmente lo sconto si sente sempre meno via via che l’imponibile cresce: per un reddito da 100mila euro, per esempio, l’Irpef da pagare si ridurra dello 0,77%, mentre per chi dichiara 10mila euro lo sconto e del 4,35 per cento.

Sconto che, in ogni caso, difficilmente sara sufficiente a compensare i rincari fiscali previsti dalla stessa legge di stabilita. Oltre alla revisione dei meccanismi che governano detrazioni e deduzioni delle spese, infatti, il Ddl stabilisce l’aumento di un punto delle aliquote Iva (dal 10 all’11%, e dal 21 al 22%) con l’eccezione della prima (che rimane al 4%). Il solo aumento dal 20 al 21% deciso l’anno scorso, secondo le stime del Sole 24 Ore, costava a ogni famiglia italiana dai 13 ai 30 euro al mese, a seconda della composizione del nucleo.

Nel caso dei dipendenti statali, poi, la manovra porta altre cattive notizie sui redditi, perche oltre a prorogare al 2014 il congelamento di contratti e stipendi individuali si prevede l’azzeramento dell’indennita di vacanza contrattuale: lo sconto Irpef, nella stragrande maggioranza dei casi, si rivelera quindi poco piu che un premio di consolazione. (Fonte: Il Sole 24 Ore)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.