MADE IN ITALY – Tre eccellenze collaborano con il...

ENERGIA – E.On: con eBay negozio online per risparmiare....

23 ottobre 2014 Comments (0) News

SOSTENIBILITA’ – Bilancio Sace 2013: ottiene il primo certificato di assurance per il Bilancio 2013 (B+)

Il Report, redatto da Sace secondo le linee guida internazionali del Global Reporting Initiative (GRI)*, e il primo a ottenere un’attestazione di assurance da parte di un ente terzo specializzato. A seguito di una verifica articolata, che ha incluso, in tre fasi distinte da marzo a luglio 2014, controlli documentali, interviste al personale e analisi dei risultati con alcune parti interessate, TUV Italia ha riconosciuto al Bilancio Sociale di SACE il livello B+ (medio) del GRI.

Ecco i principali risultati 2013:

Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese

Nel 2013 Sace ha assicurato oltre 4,8 miliardi di euro di esportazioni, facilitando 766 operazioni nei mercati esteri; ha garantito finanziamenti e assicurato investimenti all’estero per oltre 2 miliardi di euro (85% in favore di Pmi), in aumento dell’11% rispetto agli 1,8 miliardi dell’anno precedente.

Il portafoglio di operazioni, quintuplicato in dieci anni, e pari a 72 miliardi di euro, con una forte focalizzazione sui mercati emergenti, dove, senza Sace, il processo di internazionalizzazione delle imprese italiane sarebbe molto arduo.

Il valore economico distribuito dal gruppo, inteso come ricchezza prodotta dall’azienda e redistribuita ai propri interlocutori, e stato pari a 1,1 miliardi di euro.

Attenzione al personale

Il Bilancio 2013 mostra i frutti di una strategia di lungo periodo che, in dieci anni, ha visto Sace investire sulla selezione di personale qualificato e giovane, e sullo sviluppo all’interno dell’azienda: dei 717 dipendenti attuali (il 95% dei quali impiegati a tempo indeterminato), il 65% e laureato e ben il 69% ha meno di 45 anni; Sace ha inoltre sviluppato programmi di integrazione culturale-linguistica e cooperazione tecnica con partner in tutto il mondo; nel 2013 ha erogato, al proprio interno, oltre 20.000 ore di formazione, di cui 2.400 circa attraverso l’unita di Training & Advisory.

Sace impronta la gestione delle risorse umane al modello anglosassone, legando le logiche retributive alla performance: l’incidenza della retribuzione variabile sulla retribuzione totale e oggi compresa tra il 20% e il 50% all’aumentare della seniority.

Valorizza inoltre le diversita, in particolare il ruolo delle donne, che rappresentano il 53% del personale e il 33% del corpo dirigente (dati sopra la media nazionale); il salary gap tra uomini e donne e inesistente tra quadri e funzionari, mentre e ancora visibile tra gli impiegati (14%) e piu marcato tra i dirigenti (per assenza di donne nelle posizioni dirigenziali di secondo livello).

Varie le iniziative di engagement, dalla partecipazione ad attivita di associazioni no profit alla donazione di sangue: nel 2013 SACE ha donato 107 sacche.

Responsabilita sociale e ambientale

Sace ha integrato la valutazione degli impatti ambientali nelle attivita di due diligence sia per le operazioni di export credit (in applicazione dei Common Approaches dell’Ocse) sia per le altre tipologie (su base volontaria, andando oltre gli obblighi previsti dalla normativa internazionale). Sace esamina circa il doppio delle operazioni rispetto a quelle che sarebbe obbligata a valutare.

Nel 2013, circa l’85% delle operazioni valutate presenta un rischio ambientale trascurabile. Al proprio interno ha adottato politiche eco-friendly, quali il Mobility Management per ottimizzare le esigenze di commuting, facilitando il ricorso a soluzioni a basso impatto ambientale, e l’uso di carta riciclata: quest’ultima ha consentito di risparmiare emissioni di CO2 nell’aria per circa 25 mila chilogrammi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.