MUTUI – Accordo Abi consumatori: fino al 31 gennaio...

AMBIENTE – Impianti Eolici: per Ue la priorità è...

26 luglio 2011 Comments (0) News

SOCIETA’ – Sfratti: nel 2010 oltre 56mila per morosità. E’ emergenza

esce il numero di sfratti causati da mancati pagamenti. A denunciarlo la Cgil e il Sunia alla luce di una elaborazione condotta su dati del Ministero dell’Interno, da cui e emerso che nel 2010 gli sfratti emessi sono stati 65.489 – di questi oltre l’85% sono stati emessi per morosita (56.147) – con una crescita del 6,5% sul 2009, segnando il valore piu alto degli ultimi 15 anni. “Nella loro drammaticita – hanno sottolineato Cgil e Sunia – si tratta di dati che denunciano una emergenza nazionale, un problema drammatico per migliaia di persone che sta diventando esplosivo dal punto di vista sociale”.

Lo studio ha evidenziato anche che nel 2010 sono diminuite le richieste di esecuzione presentate all’Ufficiale giudiziario (110.048,) in flessione del 5,6% sul 2009, mentre sono aumentati il numero di sfratti eseguiti, +8,1% pari a 29.825. Per quanto riguarda l’insieme dei provvedimenti emessi – che contempla quelli per necessita del locatore, per finita locazione e per morosita o altra causa – questi hanno subito un andamento decrescente nel tempo, assumendo il valore massimo (145.780) nel 1984, valori superiori alla media sia nel 1983 (139.228) che nel 1987 (120.442) e il valore minimo (38.944) nel 1999. Negli anni dal 2000 al 2010, al contrario, si e’ verificata un’inversione di tendenza rispetto al periodo precedente, con un aumento da 39.406 sfratti emessi nel 2000 a 65.489 nel 2010 (+66% nel decennio).

Per quanto riguarda la ripartizione regionale, il maggior numero di provvedimenti emessi si concentra in Lombardia (13.865 provvedimenti pari al 21,2% del totale nazionale), seguito dal Lazio (7.533, 11,5%) e dall’Emilia Romagna (7.054, 10,8%). Dal punto di vista territoriale, le citta con piu sfratti emessi lo scorso anno sono Roma (con 6.710), seguita da Milano (6.466), Torino (3.010) e Napoli (2.932).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.