IMPRESE – Eutelia: 33 milioni dirottati all’estero

IMPRESE – Ittierre: Scajola, verso soluzione positiva

16 febbraio 2010 Comments (0) Approfondimenti

AMBIENTE – Rifiuti: Sistri al nastro di partenza

Il nuovo sistema di “tracciabilita dei rifiuti” recentemente introdotto dal Ministero dell’Ambiente per intensificare e rendere piu efficaci i controlli sulla filiera dei rifiuti partira dal prossimo 13 luglio ma alcuni adempimenti sono richiesti alle imprese gia nelle prossime settimane. Quello piu imminente e l’adesione al Sistri a cui sono tenute tutte le imprese produttrici di rifiuti pericolosi e quelle produttrici di rifiuti non pericolosi con piu di 10 dipendenti. Oltre ai trasportatori, agli intermediari, agli impianti di recupero e di smaltimento, agli operatori portuali, agli scali ferroviari, ai consorzi di recupero e riciclaggio.

Per tutti il termine di iscrizione e fissato per il 28 febbraio, ad eccezione delle imprese produttrici di rifiuti con meno di 50 dipendenti, che avranno invece tempo fino al 30 marzo e in questo caso il il nuovo sistema diventera operativo il 12 agosto. Percio, il.prossimo 30 aprile dovrebbe essere l’ultimo anno per la documentazione in cartaceo.

Una volta aderito al Sistri le imprese dovranno versare un contributo che permettera di entrare in possesso del dispositivo elettronico necessario per la tracciabilita dei propri rifiuti. Si tratta, in pratica, di una chiavetta usb che consentira di gestire tutta la movimentazione dei rifiuti su un supporto informatico. L’accesso a questo nuovo strumento online sostituira i vecchi documenti cartacei quali registri di carico e scarico, formulari e Modello unico di dichiarazione ambientale (Mud). Con la possibilita, da parte delle autorita competenti, di poter monitorare in ogni istante il “ciclo” dei rifiuti, dall’azienda che li ha prodotti fino all’ultima fase del recupero e dello smaltimento.

Un sito web, affidato al Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente gestira l’intero sistema di produzione, trasporto, recupero o smaltimento dei rifiuti. Le imprese dovranno inserire i loro dati di produzione, trasporto o gestione dei rifiuti direttamente sul portale. Quindi, ogni impresa, ogni trasportatore, ogni azienda di smaltimento, attraverso la propria chiavetta usb registrera la presa in carico dei rifiuti che saranno cosi controllati in tempo reale anche grazie al sistema gps di cui saranno dotati i mezzi che li trasporteranno. Garantendo cosi, nelle intenzioni del Ministero dell’Ambiente, una maggiore efficacia all’azione di contrasto dei fenomeni di illegalita, una conoscenza in presa diretta dell’intera filiera dei rifiuti, una semplificazione delle procedure e degli adempimenti a cui sono richiamate le imprese, oltre ad una riduzione dei costi da esse sostenuti. Occorre pero dire che si tratta di adempimenti di non sempre facile attuazione e talvolta di difficile comprensione. Inoltre, le imprese dovranno pagare all’atto della prima iscrizione e poi all‘inizio di ogni anno (entro il 31 Gennaio) un contributo che si differenzia per categoria di operatore e per tipologia e quantita di rifiuto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.