MADE IN ITALY – Export: Assocamerestero, extra Ue a...

TRASPORTI – Pedaggi: Matteoli, esenzioni per pendolari e non...

24 gennaio 2011 Comments (0) News

SICUREZZA – Stradale: adesso è Proietti-Mandrake a dirci di allacciare le cinture anche posteriori

Gigi Proietti reinterpreta Mandrake, l’amatissimo personaggio di “Febbre da cavallo”, film cult degli anni ’70, e diventa protagonista del nuovo spot sulla sicurezza stradale per la campagna istituzionale del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, “Sulla buona strada”, che nel 2010 ha gia avuto il volto di Christian de Sica, di Linus, della Premiata Ditta e di Cristiano Militello.

Una campagna di comunicazione, inaugurata dal ministro Matteoli nello scorso giugno, che ha fatto leva sul claim ormai noto “Quando guido io non scherzo”, attraverso alcuni dei volti piu noti della comicita italiana. A loro e stato assegnato il delicato incarico di essere portavoce di messaggi chiave sulla guida sicura e sui comportamenti piu a rischio, dall’utilizzo del cellulare in macchina all’abuso di alcol. “Sulla buona strada” si chiude ora con un testimonial d’eccezione e un remake d’autore, attraverso un messaggio che invita all’uso delle cinture di sicurezza… anche quelle posteriori. La regia di Brando de Sica mostra il comico romano nelle vesti di un vigile urbano che ferma un automobilista che non ha allacciato la cintura di sicurezza. Ricalcando uno degli sketch piu indimenticabili del famoso film, l’attore gioca con le parole per dirci che solo chi allaccia le cinture di sicurezza fa “un gesto maschio, senza rischio”, invitando ciascuno alla responsabilita perche “Guidare non e uno scherzo”.

Lo spot, che il regista e il noto attore hanno girato a Roma in forma totalmente gratuita, gioca proprio sul binomio commedia/dramma, richiamandosi al modello della campagna di sensibilizzazione voluta dal Ministro Matteoli per il 2010. Personaggi brillanti del mondo dello spettacolo che pero, al momento di mettersi alla guida, ci invitano ad essere attenti e scrupolosi. Proprio loro che sono campioni di incassi per fare ridere il pubblico, soprattutto i piu giovani, possono trovare il modo piu diretto ed efficace per dare rilievo a questa importante criticita sociale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.