LAVORO – Offerte: Antal International Italy offre 170 opportunità...

SICUREZZA IT – Cloud: Moroni, responsabile divisione Security di...

21 ottobre 2014 Comments (0) News

SBLOCCA ITALIA – Vendita immobili: Aniem, assurdo aumentare l’Iva al 10%

Giudizio assolutamente negativo dell’Aniem – Associazione Nazionale delle imprese edili manifatturiere – sull’emendamento approvato dalla Commissione Ambiente della Camera ed ora all’esame dell’Aula di Montecitorio che prevede il passaggio dell’Iva dal 4 % al 10 % sull’acquisto di nuove costruzioni direttamente dall’impresa.

Alessandro Frascarolo, delegato Aniem all’edilizia privata, rileva come “in un momento di persistente contrazione del mercato immobiliare e di scarsa propensione al consumo ci sembra una misura suicida quella di disincentivare ulteriormente la vendita di immobili. E’ una scelta che va contro il buon senso e la logica, che va nella direzione opposta a quanto richiesto unanimemente da tutti. Non se ne comprende minimamente la ratio che certo non puo riscontrarsi nella preannunciata volonta di compensare la riduzione dell’Iva sui lavori in casa. Gli incentivi al recupero, alle manutenzioni ed alla riqualificazione energetica non possono essere finanziati con un aumento del peso fiscale sulle alienazioni immobiliari, che decreterebbe la fine di un settore gia in ginocchio, con migliaia di imprese che hanno gia chiuso la loro attivita.

Abbiamo apprezzato e continuiamo a farlo l’impostazione generale del decreto Sblocca Italia, ma questa misura e inaccettabile.
Auspichiamo, invece, – conclude Frascarolo – che nel percorso parlamentare posano essere adottate ulteriori misure di semplificazione delle procedure urbanistiche, ed in particolare di incentivo alla riqualificazione di aree dismesse: in particolare, chiediamo l’eliminazione di passaggi unitili e ripetitivi che non fanno altro che generare momenti di contrattazione politica, spesso poco trasparenti. Su questo aspetto fondamentale per le nostre aree urbane occorre un’azione piu determinata ed incentivata, insomma una politica industriale piu convinta che possa contemplare in maniera strutturale anche la demolizione e ricostruzione di aree degradate”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.