INFRASTRUTTURE – Cipe: 11 mld per rilancio competitività

UE – Legno: stop importazioni se tagliato illegalmente

13 maggio 2010 Comments (0) Dalla home page

SANITA’ – Cdm: Lazio, Campania, Molise e Calabria senza Fas

Solo Abruzzo e Sicilia potranno utilizzare il Fondo per le aree sottoutilizzate a copertura del deficit sanitario: una risorsa negata alle altre quattro Regioni con la sanita commissariata (Lazio, Campania, Molise e Calabria). Una decisione presa “in considerazione del mancato raggiungimento – si legge nel comunicato di Palazzo Chigi – degli obiettivi previsti dai piani di rientro dal deficit sanitario”. Quindi, il Consiglio dei ministri di giovedi 13 maggio “ha concordato circa l’impossibilita di esprimere l’intesa prevista dall’articolo 2, comma 90, della legge finanziaria per il 2010 e di non potere pertanto consentire alle Regioni Lazio, Campania, Molise e Calabria di utilizzare le risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate, relative ai programmi di interesse strategico regionale, a copertura dei deficit del settore sanitario“.

Alla discussione hanno partecipato i governatori delle Regioni interessate che hanno dichiarato di essere stati sollecitati a recuperare il passivo sanitario con nuove tasse. “Il Governo ci ha detto che le Regioni con il deficit sanitario – ha commentato il governatore della Campania, Stefano Caldoro – dovranno aumentare le tasse fino al ripianamento del deficit stesso” e Michele Iorio del Molise ha ribadito che “ci e stato chiesto di aumentare le tasse: e assurdo, iniquo e incomprensibile”.

“Speravamo di poter accedere ai fondi Fas – ha aggiunto il presidente della Calabria, Giuseppe Scopelliti – ma i ministri competenti prevedono che sia prima approvato un piano di rientro dal deficit e solo dopo sara possibile accedere ai Fas”. Solo poche ore prima della decisione del Consiglio dei ministri, Renata Polverini, governatrice del Lazio aveva dichiarato che “la sanita per me e un tema importante, il piu importante non solo perche assorbe il 70% delle risorse ma anche perche e il principale servizio che la Regione eroga, e perche siamo una Regione commissariata”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.