FEDERALISMO: Trento: tassa di soggiorno non applicabile in virtù...

UE – Fisco: la Commissione deferisce alla Corte otto...

28 gennaio 2011 Comments (0) News

ALIMENTI – Pesce: meglio quello pescato o di allevamento?

Il primo ha carni piu sode ma prezzi spesso alti, il secondo valori nutritivi alti ma la consistenza delle carni e meno compatta. Chi vincera la sfida a tavola? Non sempre i grassi vanno demonizzati, specie se sono “buoni” come quelli contenuti in diverse specie di pesci. Anche in quelli di allevamento. Mangiare piu spesso il pesce e certamente un’ottima abitudine che contribuisce a farci stare meglio e a farci mantenere il peso sotto controllo se siamo a dieta. Quante porzioni a settimana? La quantita ideale sarebbero due-tre perche i grassi Omega 3 e Omega 6 contenuti nel pesce, aiutano a ridurre il livello di colesterolo Ldl (cioe quello che comunemente chiamiamo “cattivo”), contribuiscono ad abbassare la pressione arteriosa e rendono piu fluido il sangue. Il pesce di acquacoltura poi, ha il vantaggio di avere un prezzo di due-tre volte inferiore a quello del pesce fresco. Ma ci possiamo fidare del pesce di allevamento? Vediamo nel dettaglio in cosa differisce da quello di mare.

Pesce pescato e di allevamento, ecco le differenze. Il pesce di allevamento, secondo l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran), puo essere un po piu grasso di quello pescato in acque libere e potrebbe avere un contenuto differente, ma sempre elevato, dei preziosi grassi del tipo Omega-3 nelle sue carni. Il motivo? I pesci liberi si nutrono, a seconda della specie, di plancton o di …ltri pesci, che contengono Omega-3, mentre i pesci di allevamento vengono nutriti con mangimi, quindi la presenza di Omega-3 nei pesci di allevamento dipendera dal loro contenuto nei mangimi utilizzati. I pesci di allevamento contengono piu Omega 6, un altro gruppo di acidi polinsaturi, sempre utili al nostro organismo. I valori nutritivi, quindi, sono sempre elevati, non ugualmente le caratteristiche organolettiche, ad esempio la consistenza delle carni che sono meno compatte e le calorie leggermente superiori.

Quando si acquista il pesce dobbiamo fare attenzione a cosa c’e scritto sull’etichetta che lo accompagna. Deve essere indicato la denominazione commerciale della specie, il metodo di produzione, cioe se e pescato o allevato, la zona in cui e stato catturato o allevato e il prezzo. Nel caso del pesce di allevamento il prezzo e piu basso anche di due o tre volte. Preferibile scegliere i pesci allevati nell’Unione europea perche ci sono norme piu severe e evitare il pesce che proviene da Cina, Indonesia e Vietnam dove le specie potrebbero essere state nutrite con antibiotici. ( Letto su Staibene.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.