CRISI – Manovra: più tasse per i tagli a...

CRISI – Manovra: Giordano (Adiconsum), non tagliare i benefici...

14 luglio 2011 Comments (0) News

SALUTE – Estate: condizionatori, ok ma con una differenza di 3,5 gradi per non ammalarsi

Ogni estate torna il dilemma sulla temperatura ideale degli ambienti di lavoro. A proposito, il Ministero della Sanita ha dato alcune indicazioni per stabilire quando l’aria condizionata fa male bisogna calcolare la differenza tra la temepratura esterna e quella interna: 3,5 gradi e la soglia massima consigliata dal Ministero perche oltre si accentuano i rischi di bronchiti, cervicali e mal di testa.

La sensazione e nota: si entra sudati, in un lugo ipercondizionato, e all’improvviso ci si sente gelare la schiena e questo e il modo migliore per ammalarsi e sono in tanti ad avere sempre con se un maglione o una pashmina. I problemi non sono solo immediati, dato che l’emissione di CO2 provocata cai condizionatori, e lo spreco di risorse, arriva a essere anche maggiore che in inverno. In alcune citta, come New York, la multa per chi non rispetta la differenza dei 3,5 gradi e di 200 dollari.

Ma per affrontare il problema bisogna anche cambiare abitudini come non poratre d’estate la cravatta e vestirsi, a luglio e agosto, non come se fossimo a marzo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.