IMPRESE – Contraffazione: tutelare anche il design orafo

IMPRESE – Toscana: un caso di green economy

21 gennaio 2010 Comments (0) Dalla home page

SALUTE – Fumo: nocive anche le eCigarette?

Fa male alla salute? Comunque rischia di provocare le ire dei non fumatori se la si usa in un luogo chiuso. Anche quelle che non sono altro che “tubetti di plastica”. Stiamo parlando delle eCigarette, le sigarette elettroniche che si comprano sul web. Una sigaretta all’apparenza normale. Si accende, si fa un tiro, ma invece di produrre fumo derivante dalla combustione del tabacco, produce vapore acqueo. L’idea di un ingegnere cinese.

La sigaretta elettronica non ha bisogno di accendini: funziona a pile, e cilindrica e termina con un led rosso che lampeggia piu vivacemente ad ogni boccata per simulare la combustione. Nel filtro c`e una piccola dose di nicotina, in una concentrazione che dovrebbe gradualmente diminuire la dipendenza senza provocare astinenza. Boccate innocue. Forse.

Infatti, oggi che si dalla Cina attraverso Internet si stanno diffondendo in tutto il mondo, consumatori e medici si interrogano non solo sull’efficacia di questo dispositivo per far smettere di fumare ma anche sulla sua sicurezza. Ed e di questi giorni la notizia di uno studio condotto in Grecia che getta di nuovo l’allarme dopo quello della Fda, l’ente statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, che non ha ottenuto dal Governo Usa di bloccare le importazioni.

Per quanto riguarda l’Organizzazione Mondiale per la Sanita , una nota ufficiale del settembre del 2008 dichiara che la sigaretta elettronica “non e considerato uno strumento terapeutico per coloro che vogliano smettere di fumare”, mentre sulla sicurezza l’Oms in un altro rapporto del novembre del 2008, ha affermato che la sigaretta elettronica con filtri alla nicotina espone alla stessa quantita di prodotto contenuta nel cerotto e quindi, se quest’ultimo non e considerato pericoloso non si puo considerare tale neppure la sigaretta. Inoltre e accertato che il dispositivo non produce danni da fumo passivo, ma questo non puo cambiare le leggi sul divieto di fumare in locali pubblici perche viene applicato il principio di precauzione. L’Oms ha proposto, quindi, che la sigaretta elettronica venga venduta solo in farmacia ma senza considerarla almeno per il momento un’indicazione terapeutica.

Questo ovviamente per quanto riguarda le sigarette elettroniche caricate con nicotina: in commercio esistono anche sigarette di plastica che, se aspirate, sprigionano un aroma di menta o cannella avvertibile solo da chi le usa e assolutamente innocue per il “fumatore” e per “il non fumatore”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.