GOVERNO – Discorso Letta: Delrio, un discorso di conciliazione,...

FISCO – Modello 730/2013: slitta al 16 maggio ...

30 aprile 2013 Comments (0) News

ROMA – Elezioni sindaco, Pmi Federlazio Federlazio consegnano documento a candidato Marino

La Federlazio ha incontrato ieri, lunedi 29 aprile il candidato a sindaco di Roma Capitale, Ignazio Marino. All’incontro era presente una nutrita rappresentanza di imprenditori della Federlazio con a capo il presidente Maurizio Flammini. Nel corso dell’incontro la Federlazio ha consegnato a Marino un documento in cui e contenuto, prima ancora di qualunque altra proposta, una semplice ma fondamentale richiesta.

“Le Pmi del Lazio vogliono oggi sapere dai candidati quale sara l’ammontare delle risorse finanziarie che essi intendono destinare allo sviluppo e agli investimenti in opere e infrastrutture e come intendano reperirle – ha dichiarato il presidente di Federlazio, Maurizio Flammini – Solo dopo aver avuto una risposta concreta in questo senso potremo indicare le nostre priorita progettuali verso le quali, a nostro avviso, andrebbero destinati i risparmi di spesa ottenuti”.

La Federlazio nel proprio documento ha indicato due direzioni che andrebbero seguite per ottenere le risorse: la prima e rappresentata da un drastico taglio alle spese, attraverso un dimagrimento della macchina comunale, ed in particolare delle societa partecipate, e un abbattimento delle spese di funzionamento non strettamente necessarie; la seconda riguarda la vendita e la valorizzazione del patrimonio immobiliare di Roma Capitale, tema quasi sempre evocato dalle amministrazioni succedutesi ma mai portato a soluzione.

Nel corso dell’incontro la Federlazio ha inoltre espresso alcune indicazioni che il prossimo Sindaco potrebbe comunque mettere in campo senza grandi investimenti ma con importanti ricadute su cittadini e imprese. Innanzitutto degli interventi che portino ad una semplificazione burocratica, riducendo gli adempimenti e snellendo fortemente le procedure inerenti le attivita di impresa. In secondo luogo una modifica della logica del massimo ribasso negli appalti per la fornitura di beni e servizi all’amministrazione capitolina, sistema che ha sempre portato a distorsioni tali da determinare uno stravolgimento dei valori utilizzati per le gare. Infine, occorre una profonda riforma etica della politica, unita ad un’accurata selezione del ceto dirigente.

Per scaricare il documento Federlazio clicca qui.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.