STARTUP-Horus Technology: l’assistente tech finalista al Premio Gaetano Marzotto

STARTUP-AREA Science Park: Innovation Factory lancia IFchallenge. Il nuovo...

18 novembre 2015 Comments Off on RIFIUTI-Comieco: nuovo bando ANCI 2016. € 3 mln ai Comuni con deficit di raccolta Dalla home page

RIFIUTI-Comieco: nuovo bando ANCI 2016. € 3 mln ai Comuni con deficit di raccolta

In due anni impegnati circa 4,5 milioni di euro per potenziare la raccolta in oltre 200 Comuni.

Comieco – Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica – in accordo con Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) rinnova anche per il 2016 il bando per l’acquisto di attrezzature utili per sostenere lo sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone in Italia: tre milioni di euro stanziati per tutti quei Comuni che presentano risultati di raccolta inferiori a 30kg/ab, con una popolazione fino a 100.000 abitanti e con potenzialità di sviluppo nel migliorare la quantità raccolta entro un periodo di tempo definito.

Logo

Logo

Il bando è giunto alla sua terza edizione e, grazie alle risorse messe in campo, dal 2014 Comieco ha contribuito a potenziare la raccolta differenziata di carta e cartone in circa 200 Comuni impegnando risorse per 4,5 milioni di euro per l’acquisto di 760.000 sacchetti e scatole, 220.000 mastelli, 33.000 carrellati, 3.700 cassonetti, 25.000 contenitori salva carta, 800 roller per i negozi.

In particolare, nel 2015 il Consorzio ha stanziato un finanziamento complessivo di 3 milioni di euro destinato al potenziamento della raccolta differenziata di carta e cartone in 98 Comuni (il 93% al Sud), mentre nel 2014, 100 Comuni sono stati supportati con un finanziamento complessivo di 1,7 milioni di euro.

“Nel 2014 sono state raccolte e riciclate tre milioni di tonnellate di carta e cartone in Italia: vuol dire che ogni italiano, in media, ne ha raccolti 51 kg”, dichiara Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Ci sono Comuni virtuosi e altri meno, le cui rese di raccolta sono ancora al di sotto del reale potenziale: si stima, infatti, che le quantità ancora intercettabili siano pari a 650 mila tonnellate. I finanziamenti del bando sono contributi speciali che consentono di dare maggior impulso alla raccolta differenziata di carta e cartone e si aggiungono ai corrispettivi già erogati da Comieco ai Comuni convenzionati: risorse che, nel solo 2014, hanno superato i 94 milioni di euro”.

Oltre al sostegno economico, il Bando fornisce un supporto tecnico gratuito per l’ottimizzazione o la strutturazione del servizio. Per ricevere maggiori informazioni e per richiedere assistenza contattare la Segreteria Tecnica:

Per partecipare al nuovo bando Comieco-Anci, le amministrazioni dovranno presentare entro e non oltre il 15 gennaio 2016 il modello di domanda e la scheda tecnica di progetto disponibili sui siti www.comieco.org e www.ea.ancitel.it, seguendo la procedura guidata di registrazione ed accesso riportata nella sezione dedicata.

La Domanda e la Scheda tecnica di progetto, dovranno essere redatte mediante l’applicativo web il cui accesso è possibile cliccando qui, seguendo le istruzioni della procedura guidata.

Comieco (www.comieco.org) è il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, nato nel 1985 dalla volontà di un gruppo di aziende del settore cartario interessate a promuovere il concetto di “imballaggio ecologico”, costituitosi in Consorzio Nazionale nell’ambito del sistema consortile Conai per la gestione degli imballaggi con l’entrata in vigore del D.Lgs. 22/97. La finalità principale del Consorzio è il raggiungimento, attraverso una incisiva politica di prevenzione e di sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone, dell’obiettivo di riciclaggio dei rifiuti di imballaggi cellulosici previsto dalla normativa europea (direttiva 2004/12/CE che ha integrato e modificato la direttiva 94/62/CE). Comieco è tra i fondatori del neo-costituito Consiglio nazionale della green economy, formato da 53 organizzazioni di imprese, nato a febbraio 2013 per dare impulso allo sviluppo dell’economia verde in Italia.

Comments are closed.