TRASPORTI-La case history da primato di LC3, la prima...

COMUNICAZIONE-Pil Associati: festeggiati primi 10 anni con un party...

1 dicembre 2016 Comments Off on IT-Ricerca VMware: tecnologie innovative? Le aziende italiane le cercano fuori dal reparto IT Commerciale

IT-Ricerca VMware: tecnologie innovative? Le aziende italiane le cercano fuori dal reparto IT

Il 54% dei responsabili d’azienda italiani rileva che la gestione della tecnologia avviene sempre
più al di fuori del reparto IT.

Le line of business prendono il controllo della tecnologia per guidare l’innovazione, la velocità
e la reattività.

Il risultato per le aziende italiane è dover far fronte a costi crescenti e vedere compromessa la sicurezza

VMware, Inc. (NYSE: VMW), leader globale nelle infrastrutture cloud e nella business mobility, annuncia oggi i risultati di una ricerca[1] secondo cui il 54% dei responsabili d’azienda ritiene che la gestione della tecnologia si stia spostando dall’IT ad altri dipartimenti, con le line of business che utilizzano la tecnologia per guidare l’innovazione nelle organizzazioni.

La ricerca, condotta intervistando 1.650 decisori IT e responsabili delle line of business in otto diversi Paesi, ritiene che questa decentralizzazione[2] dell’IT stia portando reali benefici alle aziende italiane: la libertà di guidare l’innovazione (per il 60% degli intervistati), la capacità di lanciare nuovi prodotti e servizi sul mercato con maggiore velocità (57%) e l’aumento della capacità di rispondere prontamente alle condizioni di mercato (54%). Ci sono anche aspetti positivi dal punto di vista delle competenze: il passaggio di responsabilità della tecnologia dall’IT al business in senso più ampio aumenta la soddisfazione dei dipendenti (55%) e contribuisce ad attrarre talenti (58%).

Questo cambiamento, però, non è privo di sfide. I leader di tutta l’azienda ritengono che questo stia causando una duplicazione dei costi per servizi IT (per il 56% degli intervistati), la mancanza di una chiara proprietà e responsabilità sull’IT (54%) e l’acquisto di soluzioni non sicure (47%). Inoltre, questo decentramento avviene contro la volontà dei team IT, con il 49% che vorrebbe un IT più centralizzato. In particolare, i responsabili IT ritengono che le funzioni di base come la sicurezza della rete e la compliance (50%), lo storage (24%) e i servizi basati su cloud privati ​​(34%) dovrebbero rimanere sotto il loro controllo.

“Per molte aziende si tratta di ‘trasformare o sparire’, con uno scenario economico complesso e un panorama competitivo radicalmente evoluto che stanno rivoluzionando il loro modo di operare”, commenta Joe Baguley, vice president e chief technology officer EMEA di VMware. “La gestione di questo cambiamento è la grande sfida organizzativa che le grandi aziende devono affrontare. La diffusione del cloud ha democratizzato l’IT grazie alla facilità di accesso e a modelli di costo allettanti, quindi non è una sorpresa che le line of business abbiano colto questa opportunità. Troppo spesso, però, stiamo vedendo che questa tendenza viene lasciata incontrollata e senza un’adeguata IT governance, il che significa che le organizzazioni in Italia e in tutta l’area EMEA stanno incrementando i costi, compromettendo la sicurezza e creando confusione su chi fa cosa, poiché mirano solo a crescere”.

La responsabilità di guidare l’innovazione all’interno delle organizzazioni non è oggetto di disputa tra i responsabili in azienda. I due terzi (67%) ritengono che l’IT dovrebbe consentire alle line of business di guidare l’innovazione, ma che queste devono impostare la direzione strategica ed essere responsabili per la sicurezza, mettendo in evidenza la necessità di trovare un compromesso fra il mantenimento del controllo da parte della funzione IT centrale e la possibilità di abilitare l’innovazione in altre aree.

“Non si tratta più di ‘Shadow IT’ che è ormai una storia vecchia, si tratta di ‘Mainstream IT’, continua Baguley. “Il decentramento è un dato di fatto, spinto dalla necessità di velocità nel business: non abbiamo mai assistito a un tale desiderio di nuove applicazioni, nuovi servizi e nuovi modi di lavorare, immediatamente disponibili. Riconoscendo che questi cambiamenti stanno avvenendo e adattandosi a essi, l’IT può ancora giocare un ruolo chiave nel guidare questa ondata di cambiamento. La più recente tecnologia o l’ultima applicazione porteranno veramente alla trasformazione digitale quando saranno in grado di passare da un cloud all’altro, essere disponibili velocemente e con facilità, all’interno di un ambiente sicuro”.

 

VMware

VMware, leader globale nell’infrastruttura cloud e nella business mobility, aiuta i clienti ad accelerare la digital transformation. Le aziende si affidano a VMware per applicare con successo al proprio business e all’IT un approccio Software-Defined grazie alla Cross-Cloud Architecture e alle soluzioni per il data center, la mobility e la sicurezza. Con un fatturato 2015 pari a 6,6 miliardi di dollari, VMware conta oltre 500.000 clienti e 75.000 partner. VMware ha sede a Palo Alto e uffici in tutto il mondo. Per maggiori informazioni: www.vmware.com/it

[1] La ricerca: l’agenzia di ricerca Vanson Bourne ha intervistato 1.650 responsabili IT e  responsabili delle line of business a livello globale, in aziende con oltre 1.000 dipendenti da: Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Svezia **, Medio Oriente **, Stati Uniti d’America, Messico**, Brasile**, Cina, Giappone**, India, Australia**, Corea del Sud, Singapore**, Indonesia**, Malesia** e Tailandia** usando un approccio ibrido di telefono e interviste on-line durante il mese di settembre 2016

**Aziende con oltre 500 dipendenti

 

[2] Il decentramento dell’IT è quando un dipendente all’interno di qualsiasi altro dipartimento di un’organizzazione rispetto al reparto IT, sta facendo acquisti IT o installando o facendo la manutenzione del software. Può anche includere dipendenti che utilizzano software non approvato dall’IT, come Dropbox, senza il coinvolgimento del reparto IT centralizzato.

 

Comments are closed.