INTERNAZIONALIZZAZIONE-Studio Sace: approfondimento sulle imprese di costruzioni italiane, sempre...

AGRICOLTURA-Oscar Green:ecco i vincitori del premio all’innovazione giovane

24 gennaio 2018 Comments Off on REGIONI-Lazio: focus sulla formazione e la salute dei lavoratori Approfondimenti

REGIONI-Lazio: focus sulla formazione e la salute dei lavoratori

Il Comitato di Coordinamento della Regione Lazio ha presentato in un convegno svoltosi presso il Tempio di Adriano a Roma il documento: “Indicazioni Operative Regionali per la Formazione alla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro e Abilitazione all’Uso di attrezzature di lavoro di cui al Decreto Legislativo 81 del 2008”.

Lo scopo è quello di fornire un orientamento e una semplificazione degli adempimenti a cui sono tenuti i diversi soggetti aziendali che devono promuovere la formazione.

L’iniziativa è stata promossa da tre importanti Organismi Paritetici del Lazio: il CEFMECTP del settore edile, l’OPRA del settore dell’artigianato e l’OPRAS (Federlazio) del settore delle piccole e medie imprese.

Il documento è composto da schede, dove ogni scheda si riferisce al soggetto o all’ambito per il quale è obbligatoria la formazione (Lavoratore, RLS, Primo soccorso, ecc.). La tipologia di informazioni in essa contenute è standard, permettendo una lettura sintetica delle varie voci, rimandando agli approfondimenti nella specifica normativa. Infine in allegato si trovano i fac-simile di modelli di documentazione a supporto dell’attività (es. attestati), che rivestono soltanto esempi di riferimento di layout grafico e di contenuto e l’Elenco dei Soggetti formatori accreditati dalla Regione Lazio.

“La formazione nella sicurezza sul lavoro è la chiave di volta per raggiungere il traguardo infortuni zero”, dichiara Alfredo Simonetti direttore del CEFMECTP.

“Imparare la sicurezza vuol dire veicolare il valore della vita umana, acquisire conoscenza e consapevolezza del proprio ruolo, la capacità di assumersi le proprie responsabilità, dare valore sociale al lavoro e imparare a conoscere e gestire il rischio sia individualmente che in modo collettivo. Imparare la sicurezza vuol dire far crescere il patrimonio di conoscenza aziendale, l’unico che può metterci in grado di affrontare i rischi del futuro. Fondamentale – conclude Simonetti – è il coordinamento tra tutti coloro che si occupano della formazione e della sicurezza sul lavoro, e l’incontro di oggi è finalizzato proprio al dialogo, alla comprensione e allo scambio di esperienze perché la formazione nella sicurezza è vita”.

“La Formazione è l’attività centrale per una efficace prevenzione nei luoghi di lavoro” – commenta Silvio Rossignoli, Presidente di Opras-Federlazio -. Spesso per le aziende e i lavoratori orientarsi tra la normativa, gli accordi operativi, gli accordi raggiunti dallo Stato con le Regioni è molto complicato. Si sentiva quindi il bisogno di avere una ‘guida’ e un sostegno per orientarsi in un mercato molto vasto fatto di programmi, docenze, attestazioni. Il documento presentato oggi ha proprio lo scopo di fornire un orientamento e una semplificazione degli adempimenti a cui sono tenuti i diversi soggetti aziendali che devono promuovere la formazione”.

“Le attività formative e di addestramento delle imprese artigiane e microimprese presentano problemi particolari, data la difficoltà e i costi per organizzare corsi in azienda, mirati ai rischi specifici presenti – spiega Giorgio Bollini, Presidente di Opra Lazio-CNA. Servirebbe la piena attuazione dell’art. 10 del D.lgs. 81/08, Informazione e assistenza in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nel quale si ribadisce il ruolo fondamentale delle ASL, delle strutture del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, dell’INAIL e degli Organismi Paritetici che svolgono, anche mediante convenzioni, attività di informazione, assistenza, consulenza, formazione nei confronti delle imprese artigiane e delle piccole e medie imprese”.

Comments are closed.