CROWDFUNDING-Family Nation cerca nuovi soci su Mamacrowd e raccoglie...

STARTUP-Studio Aiaf ‘Start up in Italia: mercato, valutazioni...

18 ottobre 2017 Comments Off on REALTA’ AUMENTATA-Storia e futuro si fondono grazie alla App MuseumAlive della startup Pikkart News

REALTA’ AUMENTATA-Storia e futuro si fondono grazie alla App MuseumAlive della startup Pikkart

Pikkart, start up modenese leader nello sviluppo di soluzioni che utilizzano la Realtà Aumentata, ha messo a punto la App MuseumAlive per conto di Teatri Off Padova.

Rivivere il passato con la tecnologia del futuro in una nuova realtà – aumentata – immergendosi nelle atmosfere e nei luoghi nascosti di un tempo, con il semplice ausilio di una App e di uno smartphone o di un tablet. È l’esperienza di cui sono state protagoniste alcune centinaia di persone, tra cui molti bambini e famiglie, coinvolti domenica scorsa a Padova in “Archeo”, iniziativa nell’ambito del progetto “Padova SottoSopra”.Un itinerario inedito che si è sviluppato tra luoghi storici (e sotterranei) e risoluzione di enigmi nascosti nelle scene teatrali degli attori che hanno raccontato la storia attraverso la recitazione. Un’idea resa possibile dalla creatività di Teatri Off Padova (TOP), cooperativa che riunisce tre realtà teatrali della città veneta e che parla anche modenese grazie alla startup Pikkart, azienda all’avanguardia nell’utilizzo delle più avanzate tecnologie digitali, come la Realtà Aumentata – unica italiana (e tra le poche al mondo) ad aver sviluppato un Framework 100% proprietario – che si sta velocemente affermando come punto di riferimento nazionale grazie alle sue innovative soluzioni.

 

L’ultima di queste è la App “MuseumAlive”, applicazione mobile progettata per l’omonimo brand di Teatri Off Padova (TOP) che sfrutta appieno le potenzialità della Realtà Aumentata di Pikkart, attraverso la sovrapposizione di video con sfondo trasparente (green screen) sull’immagine che si inquadra con la fotocamera del proprio smartphone, con un effetto finale di fusione totale delle due realtà in un’esperienza interattiva, coinvolgente e sbalorditiva.

 

“Top Teatri Off Padova è Teatro, quindi quanto di più “analogico” ci sia: il “qui e ora” dell’attore, del performer vivo e presente – evidenzia Loris Contarini presidente di Top –. La creazione dell’app “MuseumAlive” nasce dalla considerazione che possa essere interessante e particolarmente innovativo mettere in sinergia e integrare questa nostra specificità con la nuova tecnologia, in questo caso nella fruizione di luoghi d’arte e di cultura. Ecco perché la Realtà Aumentata. Ecco perché la partnership con Pikkart”.

 

“I musei oggi sono in competizione con il mondo dell’entertainment: un ragazzo la domenica può scegliere se andare al cinema o allo stadio e difficilmente mette sullo stesso piano l’opzione della visita al museo – spiega Luigi Clivati, International Key Account Manager di Pikkart – Con la Realtà Aumentata possiamo accrescere l’appeal di musei e più in generale dello straordinario patrimonio artistico di cui il nostro Paese dispone: la sfida sta nel convincere le persone a varcare la soglia per poi scoprire la straordinarietà dell’arte e la bellezza del patrimonio storico. Crediamo che MuseumAlive rappresenti un esempio riuscito di quanto si possa fare in questo ambito”.

 

Utilizzando la App “MuseumAlive”, gratuita e disponibile sia per Android che per iOS, i partecipanti a “Archeo” hanno avuto accesso a notizie dettagliate, e al tempo stesso curiose, sui luoghi della manifestazione, visto in anteprima le ricostruzioni a 360° del Teatro Romano Zairo e della zona antistante il Ponte San Lorenzo e viaggiato come dei veri e propri archeologi tra i misteri della Padova sotterranea. Notizie e informazioni ottenute semplicemente inquadrando, con la App sviluppata da Pikkart, una particolare fotografia – sono tre le foto dei luoghi del percorso – in cui compare sullo schermo un bambino che introduce e commenta un luogo, con un effetto unico. Oltre a mappe interattive, foto, didascalie, ecc., un immenso patrimonio messo a disposizione dai sistemi informativi dell’Università di Padova.

 

Comments are closed.