TURISMO – ENIT: nota di precisazione sulle notizie apparse...

GIUSTIZIA – Responsabilità civile dei magistrati: chiesto l’intervento del...

18 maggio 2012 Comments (0) News

PROTEZIONE CIVILE – Riforma: cittadini responsabili della propria casa. Se una calamità la distrugge dovranno pagare di tasca propria

I cittadini dovranno essere responsabili diretti della tutela dei propri beni. se qualche alluvione, terremoto, o calamita distruggera o danneggera la loro casa pagheranno di tasca propria i danni o dovranno fare affidamento su un’assicurazione privata previamente stipulata perche lo Stato non si fara piu carico della ricostruzione. Ecco la novita piu importante della riforma della protezione civile pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 maggio.

L’intervento dopo il terremoto dell’Aquila sara, quindi, l’ultimo fatto a spese dello Stato come ha annunciato lo stesso capo della Protezione civile Franco Gabrielli. “purtroppo per il futuro – ha detto ai giovani di Confindustria – dovremo pensare alle assicurazioni perche lo Stato non e piu in grado di fare investimenti sulle calamita: gli aquilani sono stati gli ultimi a ricevere assistenza”. Sara ridotta anche la durata dello stato d’emergenza: non piu 60 giorni, ma 40.

La nuova normativa non entrera in vigore immediatamente: e, infatti, previsto un regime transitorio anche a fini sperimentali. Entro 90 giorni dovra essere emanato un regolamento per definire le modalita per l’avvio del regime assicurativo (che per il momento sara a carattere volontario con agevolazioni fiscali), ma gia si discute sulle spese che dovranno sostenere i cittadini delle zone a rischio a cui le compagnie di assicurazioni chiederanno sicuramente premi molto costosi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.