ALIMENTAZIONE – MedDiet Home: le donne centenarie e le...

AGRICOLTURA – Veneto: lunedì 16 dicembre seminario “Dalla carta...

13 dicembre 2013 Comments (0) News

PROFESSIONI – Colap: Alessandrucci, l’Europa investe su di noi per avviare la ripresa

Dalla dignita professionale, al diritto al lavoro autonomo, dalle vessazioni per i professionisti, all’esigenza di investire in un settore con troppe potenzialita inespresse, previdenza, formazione, tutela dell’utenza, crescita e strategie di promozione professionale questi i temi affrontati dalla relazione programmatica della presidente del Colap, Emiliana Alessandrucci, durante l’evento F.A.R.E. PROFESSIONISTI- Roma. Di seguito alcuni tratti salienti della relazione:

“Noi professionisti, siamo dei privilegiati, scegliamo il nostro lavoro, scegliamo il modo di professarlo, scegliamo gli ambiti di intervento e di specializzazione. Ma poi partecipo a convegni e a confronti politici, sindacali sul lavoro e sento troppo spesso trattare “l’autoimprenditoria” come una scelta di secondo ordine, obbligata o di precariato”.

“Il valore economico e sempre piu generato da beni immateriali; il bene di produzione oggi e il sapere, che diviene risorsa strategica, siamo nell’Europa della conoscenza, che supera i confini nazionali e diviene un unico mercato. E noi siamo i protagonisti di questo nuovo mercato in evoluzione, su di noi si punta per competere, per crescere, per sostenere”.

“Oggi il Colap con l’iscrizione all’elenco del Mise come forma aggregativa potra svolgere la sua funzione anche formalmente. Certamente questa e una vittoria del Colap, ma non certo per il Colap, ci tengo a precisare che l’iscrizione nell’elenco delle forme aggregative eleva l’intero nostro settore, infatti con essa il mondo associativo e formalmente riconosciuto come interlocutore rappresentativo di una forza importante di questo paese”.

“Dobbiamo promuovere il valore dell’attestazione di qualificazione professionale rilasciata dalle nostre associazioni; deve diventare un valore aggiunto identificabile, strumento di valorizzazione e titolo preferenziale per la scelta del professionista”.

“In questo periodo di crisi abbiamo osservato le iscrizioni alle nostre associazioni, pur avendo in molti casi dovuto abbassare la quota associativa il numero degli iscritti e salito. Oggi i professionisti che si associano alle nostre associazioni vengono da lavori stabili che si sono destabilizzati e cosi colgono l’occasione per investire, puntare, scommettere sulla professione intellettuale, che sappia di piu corrispondere alle proprie aspettative, ripensare il lavoro cosi lo rende piu dignitoso, piu libero e anche piu umano”.

“La politica non deve essere vittima, succube, ancorata all’economia, non si puo procedere solo su scelte sostenibili, coperte, protette, occorre rischiare, prendersi la responsabilita di credere in “qualcosa” e di proporlo anche contro corrente, anche contro “bilancio”… l’emendamento alla legge di stabilita che richiede il blocco dell’innalzamento dell’aliquota contributiva per i professionisti a partita iva esclusiva; quello e stato un provvedimento coraggioso e necessario, dove la politica si e imposta all’economia e ha proposto una soluzione su cui cercare una copertura, ma agli onorevoli qui presenti chiederemo di piu: riformiamo la gestione separata dell’INPS”.

“Il rapporto con gli ordini professionali si e inasprito, il loro tentativo e di continuare a rivendicare spazi riservati, a trincerarsi dietro fantomatiche protezioni del mercato, le denunce in alcune professioni sono aumentate e anche le battaglie mediatiche si sono acutizzate; ma ci sentiamo sicuri, non occupiamo spazi riservati e crediamo profondamente nella liberta di esercizio della professione, principio sancito dalla Costituzione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.