CONTRAFFAZIONE-Saldi: Adiconsum, un’occasione per dire no ai falsi

INNOVAZIONE-MyTemplArt: il cloud computing per l’arte (Artefiera Bologna 22-26...

16 gennaio 2015 Comments Off on PROFESSIONI ASSOCIATIVE-Partite Iva: Colap, ultima chiamata News

PROFESSIONI ASSOCIATIVE-Partite Iva: Colap, ultima chiamata

Renzi riconosce l’errore fatto nella legge di Stabilità a discapito delle Partite Iva e propone di recuperare. “Quando ho sentito il presidente Renzi dire che sulle Partite Iva ha sbagliato – sottolinea Emiliana Alessandrucci, presidente del Colap (Coordinamento Libere Associazioni professionali) – mi sono sorpresa, abbiamo scritto, riscritto, pubblicato, organizzato incontri, presentato istanze, illustrato proposte alternative, configurato scenari futuri e nessuno ci ha ascoltato.”Oggi è inaccettabile – incalza l’Alessandrucci –  sentire che hanno sbagliato; hanno sbagliato perché volevano sbagliare. La cosa più grave è che questo errore lo pagheremo noi, i nostri professionisti e le nostre professioniste, le loro famiglie, il loro benessere sociale ed economico.

Questo “erroruccio” crea una nuova categoria di poveri; con l’innalzamento dell’aliquota contributiva Inps e con il nuovo regime dei minimi i nostri professionisti e le nostre professioniste  hanno solcato la soglia di povertà.

Dire adesso ho sbagliato è riduttivo e irresponsabile, abbiamo necessità di fatti basta parole, basta vane promesse. Poletti accetta finalmente il nostro suggerimento di aprire  un tavolo con le associazioni, sarà certamente utile, ma non abbiamo più tempo da perdere, le proposte ci sono, si possono migliorare e limare, ma dobbiamo farle diventare progetti, realtà per salvare le professioni, per aiutare l’emersione e questo subito.

“I professionisti associativi – conclude l’Alessandrucci –  lanciano l’ultima chiamata al governo e se ancora una volta sarà inascoltata troveremo un modo più efficace per difenderci, tutelarci e valorizzare il lavoro che facciamo non solo per noi ma anche per il nostro paese. L’atto di disobbedienza, in quanto atto di libertà, è l’inizio della ragione” (Erich Fromm)

 

Comments are closed.