ENERGIA – Fonti rinnovabili: Kad3 Group leader nella cogenerazione...

GREEN ECONOMY – Rifiuti ed energia: a Ecomondo “scende...

23 ottobre 2014 Comments (0) News

PROFESSIONI – Amministratori di condominio: tutti i numeri dell’Anammi

A distanza di ventuno anni dai primi corsi per amministratori d’immobili, l’Associazione ha effettuato un monitoraggio interno sulle attivita di formazione e consulenza, che racconta la storia ed i risultati dell’organizzazione

Autunno 1993: partono i primi corsi dell’ANAMMI – Associazione Nazional-europea AMMinistratori d’Immobili – per la formazione di amministratori condominiali professionisti. A distanza di ventuno anni da quella prima serie di lezioni, l’Associazione Nazional-europea festeggia la particolare ricorrenza con un monitoraggio interno sulle sue attivita di consulenza, studio e formazione. Un modo per raccontare com’e cambiata la professione dell’amministratore e, al tempo stesso, per quantificare la crescita dell’Associazione. Oggi, infatti, l’ANAMMI conta su oltre 13mila soci attivi.

“Fin dai primi iscritti, abbiamo cercato di essere un’Associazione vera, non una lobby ? – commenta Giuseppe Bica, presidente dell’ANAMMI ? – Oggi, possiamo ben dire che siamo davvero cresciuti: nell’ultimo triennio abbiamo registrato un trend in aumento, pari al 35%”. In piu di vent’anni di attivita, l’Associazione ha promosso 507 corsi di formazione, impiegando 192 docenti. Inoltre, ha organizzato 114 seminari di aggiornamento, fornendo 18.400 consulenze agli iscritti su problemi condominiali e 1685 pareri focalizzati su questioni interne ai condominii amministrati dai soci. Oggi, i professionisti associati amministrano quasi 2 milioni di unita immobiliari, pari ad un totale di 7.562mila italiani, mentre l’associazione conta su 35 sedi provinciali”.

“Queste statistiche ? – ricorda Bica ? – spiegano bene come una professione di cui si parla spesso male, in realta, sia stata capace di creare reddito e occupazione. Del resto, qualcosa come 14 milioni di famiglie in Italia vivono in condominio, alimentando cosi un settore in continua evoluzione”.

In questi 21 anni di attivita, la categoria ha registrato numerose novita legislative, che hanno riguardato le competenze dell’amministratore ed il condominio stesso. “Nel 93, siamo nati con l’idea di puntare sulla figura del professionista condominiale ? sottolinea il presidente dell’ANAMMI – abbandonando l’idea dell’improvvisatore che gestisce gli immobili facendo i conti a mano”.

Oggi, il mondo del condominio e molto cambiato. “Sulla base della L.4 del 2014 ? afferma il presidente dell’associazione ? siamo in grado di certificare la professionalita del socio, garantendo all’utente finale, cioe il condomino, gli standard qualitativi dell’amministratore iscritto. Inoltre, abbiamo adeguato tutti i nostri corsi al recente Decreto ministeriale 140, che regolamenta le modalita di erogazione dei corsi stessi e le competenze dei formatori”.

Accanto alle nozioni tradizionali di contabilita e diritto, ora il professionista del condominio e chiamato a orientarsi in materia di contratti, risoluzione dei conflitti, informatica, relazioni istituzionali e urbanistica. “Negli anni, l’amministratore e stato chiamato a occuparsi delle problematiche piu disparate ? conclude il presidente Bica ? dall’aiuto concreto in caso di calamita naturali alla gestione delle liti di pianerottolo, il professionista deve mostrare capacita da avvocato, fiscalista, ingegnere e, in qualche caso, psicologo. I luoghi comuni sono duri a morire, ma oggi, anche in virtu delle responsabilita che le autorita ci hanno attribuito, non c’e davvero piu spazio per l’amministratore fai-da-te”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.