IMPORT – Ripristinare dogane per prodotti alimentari

PMI – Rinnovato il portale Ue che pensa in...

6 aprile 2009 Comments (0) Dalla home page

PMI – Sud: a breve un Fondo per il capitale di rischio

Prevista la partecipazione del Dipartimento innovazione e tecnologia del Ministero

Fondo per il capitale di rischio  riservato alle Pmi delle aree svantaggiate del Mezzogiorno. Per usufruirne le piccole e medie imprese devono essere localizzate nelle Regioni meridionali,
compresi Abruzzo e Molise, e investire in tecnologie digitali, per
complessivi 160 milioni di investimento pubblico-privato.
E’ stato presentato dal ministro per l’Innovazione Renato Brunetta ( nella foto) 
che ha confermato l’avvio del progetto – ideato dal suo predecessore Lucio
Stanca – volto a fonrire sostegno allo sviluppo delle Pmi del Sud che
intendono investire in innovazioni di processo o prodotto tramite il
ricorso alle moderne tecnologie.
Il fondo in Capitale di Rischio prevede la partecipazione del DIT
(Dipartimento innovazione e tecnologia) del Ministero attraverso fondi
mobiliari chiusi gestiti da SGR gia scelte con apposita selezione (con
decreto di aggiudicazione pubblicato lo scorso 15 dicembre 2008).
L’intero fondo si compone di una parte di finanziamento pubblico (80
milioni di euro) e di un corrispondente impegno di risorse da
investitori privati.
Il Dipartimento innovazione e tecnologia partecipera ad ogni fondo
chiuso – Vertis SGR Spa, Quantica SGR Spa, San Paolo IMI Fondi Chiusi
SGR Spa e Vegagest SGR Spa – per un importo non superiore al 50% del
totale, con un impegno di non oltre 10 anni.
Le SGR godranno di un trattamento privilegiato mediante un meccanismo
che assicura maggiore guadagno ai privati in caso di guadagni positivi
ed uguale perdita nei casi negativi.
Questi i vincoli che deveno essere rispettati per gli investimenti di “expansion capital”:
– ammontare massimo in una stessa impresa di 2,5 milioni di euro;
– ammontare complessivo non oltre il 40% dell’attivo del singolo fondo;
– tetto massimo di tre interventi;
– intervallo di almeno sei mesi tra ciascun intervento;
– importo unitario per ciascun intervento non superiore a un milione di euro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.