GIUSTIZIA-Omicidio stradale: nuovo reato allo studio

LAVORO-Retribuzione: al top l’Innovation manager

29 febbraio 2012 Comments (1) Dalla home page

PMI-Ritardo pagamenti: anche le grandi con i loro fornitori

Alcune grandi imprese stanno inviando ai loro fornitori una comunicazione nella quale si avverte che i termini di pagamento passeranno da 60 a 120 giorni con tutta una serie di orpelli aggiuntivi per i quali sara facile raggiungere i 150 giorni fermo restando che i pagamenti avverranno indicativamente il giorno 10 del mese successivo alla scadenza.A lanciare l’allarme e Confapi pmi, associazione di piccole e medie imprese.

In qualche caso, spiega Confapi in una nota, sono state stipulate convenzioni con societa di factoring (“Controllate da quegli stessi istituti che sono estremamente restii a concedere linee di credito alle piccole e medie imprese”) che consentiranno di scontare le fatture a costi agevolati. “Costi aggiuntivi che, evidentemente – si legge nella nota – dovranno essere sopportati dal fornitore. Questa operazione, a dir poco arrogante, e giustificata con la necessita di adeguarsi alle tendenze di mercato”.

E “del fatto che sia vigente in Italia una legge sulla subfornitura che preveda pagamenti a 60 giorni non c’e la benche minima considerazione – ha protestato Confapi giudicando – questi fenomeni di una gravita enorme”. A questo punto, “delle due l’una: o questi gruppi industriali sono in difficolta finanziarie enormi (ma, in questo caso, non avrebbero spedito circolari imperative) oppure siamo di fronte a una operazione che tende a incrementare le marginalita vessando le piccole e medie industrie del loro indotto. Ovvero- ha sottolineato Confapi – quelle imprese che con la loro efficienza e la qualita del loro lavoro hanno contribuito, e non poco, ai successi di quei gruppi industriali”.

Viene da chiedersi, ha sottolineato l’associazione delle Pmi, se sia “questa l’etica di cui tanto spesso sentiamo parlare i soloni della grande industria. E’ questo il modo in cui la grande impresa aiuta la piccola a crescere e a migliorarsi? E’ questa la comunanza di interessi che dovrebbe rendere plausibile una unica rappresentanza di tutta l’industria, piccola, media o grande che sia?”.

Per Confapi c’e “piu comunanza di interessi tra gli imprenditori che hanno ricevuto queste comunicazioni e i loro dipendenti che, insieme, pagheranno il prezzo di tali belle iniziative” e “quando qualcuna di queste piccole imprese dovra chiudere, dovremo anche sorbirci la favola delle Pmi che non sono pronte a competere sul mercato globale, mentre la grande impresa si che ci riesce”. Comunque sia, “continueremo a difendere le Pmi dall’arroganza di chi le vede solo come carne da cannone, da sfruttare, in azienda, per far tornare i conti e in associazione per far pesare i numeri. Favoriremo d’altra parte le filiere virtuose che aggreghino le nostre Pmi a quelle aziende che, forse perche non sono nate grandi, ma lo sono diventate, mantengono il rispetto per chi, giorno dopo giorno, fa impresa assumendosene il rischio e la responsabilita”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.