CRISI – Eurostat: nel 1° trimestre bene Pil italiano...

MADE IN ITALY – Nieri: messo a punto un...

7 giugno 2010 Comments (0) News

PMI – Edilizia: Federlazio, costituito tavolo tra imprenditori e sindacati

Momento di grave crisi per l’economia romana e laziale, soprattutto per comparto dell’edilizia in quanto uno dei settori trainanti della nostra economia che produce il Pil piu elevato. Per discuterne si e svolto presso la sede della Federlazio un incontro tra i rappresentanti delle principali associazioni imprenditoriali e dei sindacati dell’edilizia di Roma e del Lazio. Nel corso dell’incontro si e costituito ufficialmente un “Tavolo di concertazione” che avra lo scopo di evidenziare tutte le criticita e di individuare insieme le possibili soluzioni da percorrere per rendere meno critica la situazione economico-occupazionale nel breve e medio periodo nel settore delle costruzioni, mettendo sotto osservazione gli investimenti per lo sviluppo regionale infrastrutturale in relazione con le altre Regioni. I partecipanti al Tavolo appena costituito hanno annunciato che subito dopo le ferie estive sara organizzata una manifestazione con lo scopo di proporre a tutte le parti interessate (Regione, Provincia, Comune e Governo nazionale), non solo i problemi del comparto, ma anche le proposte per affrontare una crisi che sta mettendo quotidianamente alla prova la resistenza di imprenditori e lavoratori: in estrema sintesi, incontrarsi e discutere per “produrre concretamente lavoro”.

Presenti all’incontro, oltre al presidente della Federlazio Maurizio Flammini e a quello di Federlazio Edilizia Antonio D’Onofrio, il presidente dell’Acer Eugenio Batelli, il presidente di Ance Lazio Urcel Stefano Petrucci, il presidente dell’Unione Costruzioni e Restauro di Cna Roma Alessandro Maruffi, il coordinatore di Lega delle Cooperative produzione e lavoro Maurizio Giachi. Per i sindacati erano presenti il segretario di Fillea Cgil Roberto Cellini, i segretari di Filca Cisl Stefano Macale e Andrea Cuccello, il segretario di Feneal Uil Francesco Sannino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.