LAVORO-Precari: ecco l’identikit messo a punto dalla Cgia

LAVORO-BacktoWork: un’impresa possibile!

10 maggio 2012 Comments (0) Dalla home page

PMI-Crisi: Venturi, sempre più insofferenza e disperazione

Con un ulteriore aumento dell’Iva, il Paese sara in ginocchio. Lo Stato paghi i fornitori. Questo, in sintesi, l’allarme emerso giovedi scorso dall’Assamblea annuale di Rete Imprese Italia, il soggetto di rappresentanza unitario del mondo delle Pmi e dell’impresa diffusa promosso dalle cinque maggiori organizzazioni dell’artigianato, del commercio, dei servizi e del turismo: Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti. Nella sua relazione il presidente di turno, Marco Venturi, ha sottolineato che “sulle imprese, in questi due anni, e come se si fosse abbattuto uno tsunami. Una rilevante parte ne e stata travolta”.

“Il problema vero – ha aggiunto Venturi – e che nel Paese sta crescendo un clima di insofferenza, di scoramento, di disperazione”. Tale clima “riguarda non solo gli esodati, i cassintegrati, i lavoratori in mobilita, i giovani che non trovano lavoro, i pensionati che sempre piu stentano a mantenersi in una condizione di vita decorosa, ma anche e principalmente gli imprenditori, i loro familiari e i loro collaboratori che vedono andare in fumo investimenti frutto dei sacrifici di un’intera vita di lavoro”.

Venturi ha, quindi, incalzato il governo a procedere “con rigore ed efficacia sulla standing review per ossigenare il Paese”, perche “taglio agli sprechi, dismissioni, riduzione della pressione fiscale sono must irrinunciabili per ridare vitalita alla nostra economia”. E’ necessario, inoltre, che “le banche tornino a sostenere le nostre imprese e lo Stato paghi i propri fornitori. Non e accettabile che un’impresa sia costretta a chiudere o a indebitarsi solo perche non le vengono saldati i suoi crediti”.

Passando a parlare del fisco, Venturi ha evidenziato che “la pressione fiscale viaggia ormai sopra il 45%, con questo peso non ci sara nessuna ripresa degli investimenti. L’Imu e la mannaia dell’Iva sono un vero e proprio percorso di guerra lungo il quale rischiano di cadere molte imprese con grave danno per il Paese”.
Un ulteriore aumento dell’Iva, in particolare, “metterebbe definitivamente in ginocchio il nostro Paese”, mentre “l’aumento dell’imposizione indiretta e quello delle accise hanno gia causato una drammatica caduta dei consumi interni”. All’Assemblea hanno preso parte anche il ministro dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti Corrado Passera e, in collegamento diretto, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero. Alla manifestazione sono intervenuti, inoltre, numerosi esponenti del mondo delle istituzioni, della politica, delle parti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.