CRISI – Emilia Romagna: Unioncamere, qualche speranza

DOCUMENTO – Mef: mercato del lavoro durante crisi

22 giugno 2010 Comments (0) Approfondimenti

PMI – Criminalità: sempre più estorsioni e rapine

Dati allarmanti per il settore degli appalti pubblici, della contraffazione, dell’immigrazione clandestina, del traffico di rifiuti ed dei reati ambientali sono emersi dal seminario del Cese (Comitato economico e sociale europeo): le piccole e medie imprese in Italia e in Europa, oltre che la crisi, devono fronteggiare una criminalita crescente, che spesso le vede vittime di estorsioni, rapine e taglieggiamenti. Gli ultimi dati sul fenomeno sono allarmanti. Ogni anno sono 140.000 le vittime della tratta di esseri umani a scopo sessuale, il volume d’affari del mercato dell’eroina si aggira sui 20 miliardi di dollari l’anno e la vendita di armi ha superato i 300 miliardi di dollari annui. Dati altrettanto impressionanti riguardano il settore degli appalti pubblici, della contraffazione, dell’immigrazione clandestina, dell’estorsione, del traffico di rifiuti ed dei reati ambientali. L’incontro e servito a stabilire alcune linee di indirizzo nella lotta a questi fenomeni che andranno approfondite dal Cese nella prossima Consigliatura e che riguardano tre aree specifiche di intervento: 1. maggiore conoscenza e scambio di informazioni sulle diverse tipologie di attivita criminali a carattere economico nell’Unione Europea e nelle principali aree limitrofe; 2. costituzione, con il supporto degli Stati membri interessati, delle istituzioni comunitarie e delle principali agenzie europee (Europol, Olaf, Eurojust), di gruppi di studio multidisciplinari e multitematici capaci di analizzare le singole attivita criminali, di individuarne caratteristiche e evoluzione per proporre misure di prevenzione e contrasto condivise e trasferibili; 3. con riferimento al punto precedente, viene auspicato un maggior coinvolgimento degli istituti di ricerca e di alta formazione per l’elaborazione di metodologie ed indicatori in grado di accrescere le competenze esistenti negli Stati membri e di individuare le politiche piu incisive per la lotta alla criminalita con sensibilizzazione della societa civile nel predisporre strumenti di informazione e partecipazione capaci di costruire una rete di raccolta delle esperienze di contrasto alla criminalita organizzata.

All’incontro, presieduto dal presidente del Comitato Mario Sepi, erano presenti Salvatore Iacolino, vicepresidente del Parlamento Europeo, Laszlo Salgo, rappresentante dell’ Europol, il vice prefetto Bruno Frattasi, direttore dell’Ufficio per il Coordinamento e la Pianificazione delle Forze di Polizia, Lino Busa, presidente di Sos Impresa della Confesercenti, il prof. Umberto Triulzi dell’Universita La Sapienza di Roma, e Claudio Cappellini, rappresentante per l’artigianato e le Pmi presso il Cese. Sepi ha ricordato le sfide poste dalla crescita della criminalita economica organizzata a livello europeo, sottolineando il ruolo di contrasto all’estensione del fenomeno svolto dalla societa civile organizzata, dall’associazionismo economico e dai partner sociali. Riprendendo le parole del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon Sepi, Sepi ha precisato come l’impegno che tutti i paesi devono assumersi per combattere la criminalita economica e un atto dovuto verso “tutte le vittime e tutti coloro che rischiano la vita ogni giorno per proteggere la legalita”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.