UE – Abbandono scolastico: Commissione, ridurne il tasso a...

SUSSIDIARIETA’ – Acri: ad Haiti un progetto per combattere...

31 gennaio 2011 Comments (0) News

PA – Dogane Lazio: Uilpa,a distanza di 3 mesi ancora problemi nella nuova sede

Il personale doganale e ancora in attesa della risoluzione dei problemi presenti nella nuova struttura dell’Ufficio delle Dogane di Roma. Cosi, in una nota, il segretario regionale della Uilpa Dogane Lazio, Virgilio Tisba ha reso noto che “sono trascorsi piu di tre mesi da quando la Dogana di S. Lorenzo si e trasferita presso i nuovi locali di Via del Commercio 27 ma molte cose ancora non vanno. Vogliamo iniziare – ha aggiunto Tisba – con il sottolineare che la nuova sede continua ad essere priva di ascensori funzionanti per gli oltre 150 impiegati dell’ufficio, costringendo anche il personale con difficolta di vario tipo a dover arrampicarsi quotidianamente su e giu per le scale, senza parlare anche deibagni non funzionanti , lasciando immaginare le problematiche dei nostri colleghi, accompagnate quotidianamente dalle loro lamentele”.

“Avevamo espresso piu volte i dubbi riguardo agli open-space – ha continuato il segretario regionale – adesso le nostre preoccupazioni riguardo al microclima, l’acustica e l’illuminazione di questi locali si sono dimostrate vere. Siamo convinti che un intervento nell’installazione di pareti mobili, controsoffitti e pannelli acustici possa finalmente ridurre i problemi dei nostri colleghi che svolgono il loro lavoro in questi locali. Infine, riterremmo opportuno – ha sottolineato – risistemare il verde esterno e controllare se e vero che ci siano degli alberi pericolanti, correggere errori come la guardiola dell’accettazione priva di aperture verso il pubblico, il numero insufficiente delle borchie di rete in alcuni locali e la mancanza di cartelli, all’interno dell’edificio, indicanti gli uffici per l’utenza interessata. Non riuscendo ancora a comprendere – ha concluso Tisba – come possono esistere suddetti problemi in una nuova struttura, restiamo ancora una volta in attesa soprattutto risolutiva risposta dall’Agenzia delle Dogane.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.