GOVERNO – Cig e Imu: Letta, decisioni da Cdm...

MADE IN ITALY – Assemblea Aicig: il mercato tra...

14 maggio 2013 Comments (0) News

PA – Debiti con imprese: salta tassa su sigarette elettroniche e alcolici. Provvedimento all’esame dell’Aula di Montecitorio

Via libera della Commissione Bilancio della Camera al decreto legge sui debiti della Pubblica amministrazione. Il provvedimento, che scade ai primi di giugno e deve ancora passare all’esame del Senato, sara da oggi, martedi 14 maggio all’esame dell‘Aula di Montecitorio. Ed e saltata l’introduzione dell’accisa per le sigarette elettroniche, le e-cig mentre, per coprire un emendamento al decreto debiti Pa, arriva un mini taglio da 15 milioni al fondo calo tasse, riduzioni per alcuni Ministeri e, dal 2015, un calo dei fondi per l’editoria (17,35 mln) e per i Paesi in via di sviluppo (20 mln).

L’emendamento riguarda un meccanismo complesso definito “patto verticale incentivato” che da maggiore spazio di manovra alle Regioni che a loro volta possono aiutare Comuni e Province nel pagamento delle spese relative ad investimenti. La copertura di una parte dell’emendamento, inizialmente prevista con l’introduzione dell’accisa anche per i prodotti contenenti nicotina o sostanze sostitutive del consumo di tabacco, e stata invece sostituita con una serie di micro-tagli. Viene ridotto di 10 milioni nel 2014 e di 5 milioni nel 2015 il fondo per gli interventi strutturali di politica economica (fondo Ispe) che di fatto, introdotto con la finanziaria del 2005, avrebbe dovuto essere utilizzato ai fini della riduzione delle tasse. Altri tagli riguardano fondi da ripartire appostati presso il ministero dell’economia, in particolare accantonamenti per il ministero del lavoro (700 mila euro nel 2014 e 4,8 nel 2015) e per il ministero degli affari esteri (4,3 milioni nel 2014 e 15,5 a decorrere dall’anno 2014). Alcune riduzioni scatteranno invece dal 2015 e riguardano risorse appostate nella tabella C dell’ultima finanziaria. In questo caso il primo taglio e da 17,35 milioni e riduce i 144 milioni stanziati in precedenza in favore dell’editoria. IL secondo taglio e invece da 20 milioni e incide sui 111,8 milioni previsti per gli aiuti pubblici in favore dei Paesi in via di Sviluppo.

Si alla ‘fase due’ per completare il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese ma perche entri nel vivo occorrera attendere la Legge finanziaria 2014. La commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento al decreto legge sui debiti della Pa che prevede appunto che le operazioni per la seconda tranche partano a settembre. Per consentire l’avvio della cosiddetta ‘fase due’ vengono previste “adeguate operazioni finanziarie”.

Aumentare le tasse per la birra, le bevande alcoliche e l’alcol etilico: lo prevedeva un emendamento dei relatori che pero non e stato messo ai voti ed e stato ritirato. Le risorse servivano a coprire alcune misure relative agli enti locali e valevano 58 milioni nel 2013 3 96 milioni nel 2014. (Fonte: Ansa)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.