ECOFIN – Tremonti, morale proteggere occupazione

PMI – Si sta sgretolando sotto i colpi della...

11 febbraio 2009 Comments (0) Dalla home page

MILLEPROROGHE – Approvato dal Senato senza gli incentivi

Nell’emendamento viene riscritto anche il calendario di Unico

Nel maxiemendamento non sono confluiti gli incentivi anticrisi ai settori dei beni di consumo. Eliminati i due emendamenti della Lega accolti dalla Commissione che avrebbero abolito la possibilita di eleggere i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza nelle aziende al di sotto dei 16 dipendenti. Il maxi-emendamento del governo sul decreto milleproroghe ricalca sostanzialmente il testo arrivato in aula con le 69 modifiche apportate in commissione Affari costituzionali piu una serie di norme sull’editoria. In pratica e stato traslato, con alcune modifiche, l’articolo 33 del ddl Scajola sullo sviluppo ora all’esame della commissione Industria di Palazzo Madama. Fra le novita arriva la cassa integrazione anche per i giornalisti dipendenti delle imprese editrici di giornali periodici. Proteste per il fatto che nel maxiemendamento al decreto milleproroghe non sono stati inseriti gli emendamenti del Pd e del Pdl per i pensionati vittime da amianto coinvolti nella sospensione delle pensioni a seguito delle inchieste della magistratura.
Nel Milleproroghe si riscrive anche il calendario di Unico e viene spostato al 30 settembre 2009 il termine per la presentazione telematica delle dichiarazioni delle persone fisiche, societa di persone e dell’Irap. Per la dichiarazione dei soggetti Ires i termini sono spostati dal settimo al nono mese successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta. In sostanza, per le imprese con esercizio solare il termine di invio di Unico si allinea al 30 settembre 2009. Per i sostituti d’imposta, invece, il termine di presentazione del 770 semplificato slitta dal 31 marzo al 31 luglio, uniformandosi alla stessa scadenza del 770 ordinario. Fissato un nuovo termine per la presentazione telematica dei modelli 730 da parte dei Caf o degli altri intermediari abilitati, che per il 730/2009 si sposta dal 25 giugno al 15 luglio 2009.
Nel pacchetto c’e anche l’abolizione dell’obbligo di gara per tutti i lavori pubblici da parte delle concessionarie autostradali. Le concessionarie, poi, possono affidare “in house” (senza obbligo di gara) fino al 60% dei lavori pubblici, a partire dalle opere autostradali, attraverso societa controllate.
Nel testo e stato introdotto l’articolo 43-bis dedicato alle operazioni di cartolarizzazioni di immobili pubblici. Si liquida quindi il portafoglio di immobili relativo alla prima e alla seconda operazione di cartolarizzazione effettuata dalla Scip (Societa di cartolarizzazione di immobili pubblici). Gli immobili tornano ai soggetti proprietari. Il trasferimento ha effetto dalla data di entrata in vigore del provvedimento. Il valore degli immobili e determinato dall’Agenzia del territorio.
E slitta di altri sei mesi l’entrata in vigore della class action. L’azione collettiva risarcitoria per i consumatori sarebbe dovuta diventare operativa dal 1° gennaio 2009, ma il termine viene prorogato al 31 giugno 2009.
Novita sull’accertamento delle prestazioni collegate al reddito: il reddito di riferimento e quello conseguito dal beneficiario o dal coniuge nell’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno e ha valore per la corresponsione del trattamento fino al 30 giugno dell’anno successivo. Via libera anche alla proroga dei termini per la presentazione dei regolamenti da parte degli enti che, in base al cosiddetto taglia enti, dovrebbero essere soppressi se privi del regolamento. Per il settore dell’autotrasporto e stato anche approvato un emendamento che riduce i tassi dei premi Inail, in base al minor tasso di incidentalita.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.