STARTUP-Rapporto Ambrosetti: fra le regioni è prima la Lombardia

INNOVAZIONE-DirectaPlus: nanotecnologie per l’ambiente e grafene che assorbe gli...

28 maggio 2015 Comments Off on MADE IN ITALY-Presentata nuova versione “Italy The Extraordinary Commonplace”: illustra altre eccellenze Dalla home page

MADE IN ITALY-Presentata nuova versione “Italy The Extraordinary Commonplace”: illustra altre eccellenze

Il vice ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda ha presentato ieri, mercoledì 27 maggio, ad Expo la nuova versione del video “Italy: The Extraodinary Commonplace”. Il nuovo video contiene nuove scene che illustrano altre eccellenze del Made in Italy.

Il video, realizzato dal Mise e da ICE, era stato presentato in anteprima a Davos durante il World Economic Forum dello scorso gennaio riscuotendo subito grandi apprezzamenti, al punto che è stato ammesso a concorrere al prossimo Cannes Lions International Festival of Creativity.

La nuova versione del video segue la recente campagna pubblicitaria on line, voluta dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzata dall’Agenzia ICE, per promuovere, attraverso il video “Italy: The Extraordinary Commonplace”, le eccellenze del Made in Italy sui mercati USA, Canada e UK.

La campagna on line, sviluppata sui siti di The Wall Street Journal, Financial Times e The Economist, ha registrato un grande successo, testimoniato da:

  • oltre 21 milioni di impression
  • 8 milioni di visitatori unici
  • oltre 11 milioni di visualizzazioni del video, nei suoi diversi formati (30” e 3’)
Il sito

Il sito realizzato per illustrare il Made in Italy

Il video, inoltre, rimanda ad un sito web – raggiungibile anche dagli indirizzi www.extraordinarycommonplace.com o www.investinitaly.com – appositamente realizzato per illustrare i principali dati e informazioni sul nostro sistema economico e manifatturiero.

Corredato da numerose immagini e infografiche per favorirne l’immediata fruizione, è rivolto ad evidenziare la solidità e le eccellenze economico-produttive italiane.

Sulla base dell’indice Click Through Rate (CTR), le visite al sito generate dalla campagna hanno segnato un risultato superiore del 60% rispetto alla media del settore Government/Institution, con quasi 150 mila pagine viste in poche settimane, principalmente da Usa (40%) e UK (30%).

Comments are closed.