TRASPORTI – Prodotte ben 133 milioni di tonnellate di...

G8 ENERGIA – Confagricoltura: serve sostegno alle rinnovabili

25 maggio 2009 Comments (0) Dalla home page

MADE IN ITALY – Cia: meno costi, difesa qualità e dop

Emersa dal Forum di Siena la necessita di un forte rinnovamento per la filiera del vino

Semplificazione, difesa della qualita e dei dop per ridurre i costi che pesano sui produttori vitivinicoli. Questa la ricetta della Cia-Confederazione italiana agricoltori per rilanciare e potenziare il vino italiano a livello nazionale e nel mondo. Lo ha detto il presidente della Cia Giuseppe Politi (nella foto), che ha concluso i lavori del Forum promosso a Siena, presso l’Enoteca Italiana, durante il quale e stato affrontato, appunto, il tema “Vino: rinnovare i Consorzi di tutela, rafforzare il sistema dei controlli”, sottolineando la necessita di un forte rinnovamento nelle funzioni (programmazione produttiva, promozione, marketing) nell’organizzazione, nel sistema di governance dei Consorzi di tutela. “Si tratta – ha affermato Politi – di valutare eventuali interventi legislativi o se e sufficiente fare riferimento all’esistente relativo alle Dop e Igp. In ogni caso – ha ribadito il presidente – come Cia lanciamo una vera e propria campagna su tutto il territorio per la riorganizzazione dei Consorzi, a partire dal ruolo e dal peso degli agricoltori. L’obiettivo di fondo rimane quello di farne degli strumenti interprofessionali”.  Altro elemento importante e la tutela della denominazione di origine, uno strumento per valorizzare non solo il territorio ma anche il “sapere fare” dei produttori, per questo va affrontato in maniera adeguata il problema della certificazione delle Dop e Igp (Docg, Doc, Igt). La Cia ha anche sottolineato l’importante ruolo svolto dagli Enti locali e dalle Camere di commercio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.