PENSIONI – Ocse: l’organizzazione mette sotto accusa il metodo...

COOPERATIVE – Emilia Romagna: lo strumento del contratto di...

26 novembre 2013 Comments (0) News

L.STABILITA’ – Spiagge: Adiconsum, concessioni con durata 4 anni. Istituire Osservatorio con Consumatori

La legge di Stabilita in approvazione prevede anche un capitolo sulle spiagge, molto dibattuto. Da un lato i fautori della loro sdemanializzazione (imprese balneari), dall’altra coloro i quali invece hanno a cuore le sorti delle coste italiane, preoccupati della cementificazione selvaggia, che porrebbe l’Italia ancora piu in contrasto con le norme dell’Unione europea

La gestione delle spiagge nel nostro Paese con le concessioni rinnovate di 20 anni in 20 anni – ha dichiarato Pietro Giordano, presidente nazionale di Adiconsum – ha di fatto prodotto un monopolio delle imprese balneari su un bene, la spiaggia appunto, che e invece un bene comune di tutti. La legge di stabilita puo rappresentare un momento importante per regolamentare, con un occhio al consumatore e non solo al business di pochi, la corretta applicazione della Bolkestein in vista del 2015, termine ultimo entro cui tutte le aste dovranno essere realizzate”.

spiagge_demaniali“Il monopolio dei balneari deve finire -ha aggiunto Giordano – Le concessioni siano assegnate sulla base di gare trasparenti e concorrenziali e siano concesse con una durata di 4 anni, rinnovabile al massimo per altri 4”.

“Adiconsum – ha sottolineato il presidente nazionale – rivolge un appello affinche si trovino soluzioni compatibili non solo con gli interessi delle imprese balneari, ma soprattutto dei consumatori e delle famiglie, che per anni si sono viste depredate del loro diritto all’accesso alle spiagge, con costi per un giorno di mare pari a un soggiorno in un hotel a 4 stelle”.

Perche le spiagge tornino ad essere bene comune di tutti – ha concluso Giordano – e necessario che venga istituito un Osservatorio di monitoraggio e di vigilanza che preveda la partecipazione anche delle Associazioni Consumatori”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.