AGRICOLTURA – Futuro: la campagna va in città

DOSSIER – Unioncamere: manufatturiero in recupero

6 febbraio 2010 Comments (0) Approfondimenti

L’OPINIONE – Edilizia: Clerici, perequazione a rischio

In merito alla sentenza del Tar del Lazio, depositata il 4 febbraio 2010, che ha annullato la perequazione urbanistica e finanziaria introdotta nel Piano Regolatore Generale del Comune di Roma, approvato nel 2008 abbiamo ricevuto la dichiarazione del presidente di Assoedilizia e vice presidente di Confedilizia, Achille Colombo Clerici, che pubblichiamo qui di seguito.

E un campanello d’allarme anche per il Piano di Governo del territorio che il Comune di Milano si appresta a varare. D’altronde, anche la presenza della legge regionale Lombarda,che ammette l’introduzione, in via facoltativa, del principio perequativo negli strumenti comunali di pianificazione territoriale potrebbe non mettere al riparo dal rischio di un conflitto di attribuzione con lo Stato ( trattandosi nella specie di un principio generale dell’ordinamento giuridico che non e stato oggetto di una codificazione legislativa nazionale ), ne dal rischio di illegittimita sul piano costituzionale.

Anche perche la perequazione viene realizzata in modi diversi a seconda di quanto ritiene il singolo Comune: per ambiti di compensazione, su tutto il territorio comunale, dichiarando su tutto il territorio, ma escludendo poi aree soggette a vincoli preordinati o predefenite. E d’altronde Assoedilizia da tempo va richiamando l’attenzione sul fatto che la perequazione non abbia a servire per attribuire una potenzialita edificatoria ad aree che non hanno alcuna vocazione edificatoria; e comunque venga concepita, anche nei suoi momenti attuativi, nella piena trasparenza e sotto il controllo pubblico, a garanzia della certezza dei diritti privati.

La questione sottoposta al giudizio del Tar del Lazio trae origine, come si ricava dai motivi del ricorso,dal fatto che “la riserva a titolo gratuito di una consistente quota parte dell’edificabilita di un’area privata a favore del Comune sarebbe palesemente illegittima per violazione dell’art. 7 della L. n. 1150/1942 e dei principi generali in materia urbanistica in relazione all’art. 42 della Costituzione. Cio in quanto: a) il diritto a edificare continua a inerire alla proprieta: pertanto non e sufficiente far salva la misura dell’edificabilita storica, data per acquisita, e considerare invece come parzialmente acquisibile dal Comune la quota di edificabilita attribuita con il nuovo piano: se una determinata area esprime una certa edificabilita in base allo strumento urbanistico attualmente vigente, essa spetta tutta al privato secondo la legge e la Costituzione; b) il meccanismo adottato dal Comune e privo di copertura legislativa nazionale di carattere generale; c) le previsioni di cui all’art. 1, commi 258 e 259, della legge n. 244/2007, che introducono un meccanismo simile, non sono comunque applicabili, soprattutto per ragioni sostanziali di contenuto e di ambito applicativo; e ove lo fossero, andrebbero comunque considerate incostituzionali.

Osserva il Collegio giudicante che lo strumento adottato dal Comune di Roma, con riferimento agli ambiti di compensazione, configura una forma di espressa sottrazione ai proprietari della parte maggioritaria della quota di edificabilita aggiuntiva agli stessi riconosciuta. E questo – si badi bene – non come esito di una negoziazione: la quota riservata alla mano pubblica e stabilita “a priori” dal piano, il quale dapprima la quantifica con precisione, facendo salve le indicazioni del Programma preliminare solo in senso piu restrittivo, e conseguentemente stabilisce a carico dei proprietari degli Ambiti di compensazione (art. 18, comma 4 delle N.T.A.) un puntuale obbligo – una volta approvato lo strumento urbanistico esecutivo – di cedere al Comune, o a soggetti terzi dallo stesso individuati, la superficie fondiaria corrispondente alle previsioni edificatorie riservate al Comune medesimo.

Si tratta di un meccanismo a carattere normativo, e come tale, quindi, non solamente dotato di una piu diretta influenza sulla stessa sostanziale conformazione della proprieta, ma anche vincolante “ex ante”,in via generale e astratta, i soggetti dell’ordinamento, e quindi incidente direttamente e imperativamente sul contenuto del successivo eventuale accordo delle parti. Sotto questo profilo, considerando le N.T.A. del Piano come un atto normativo, il problema del rispetto non solo del principio di legalita, ma della vera e propria riserva di legge prevista dall’art. 23 della Costituzione, rimane allora ineludibile (dato che il Comune e comunque privo di poteri legislativi, anche nel sistema autonomistico disegnato dalla riforma del Titolo V della Costituzione).

Ne consegue quindi, in conclusione, la fondatezza della censura proposta, dovendosi ritenere illegittima la previsione del contributo straordinario, attesa la carenza della necessaria base legislativa, non solo a livello statale, ma anche a livello regionale, non potendosi considerare sufficiente, a tal fine, il riferimento contenuto nell’art. 18, comma 7, della L.R. n. 21/2009 (esaminata in precedenza), che attiene alla sola materia dell’edilizia residenziale sociale. Tale profilo, che e assorbente e decisivo nel campo del diritto pubblico, impedisce di per se di prendere in considerazione le pur pregevoli e meditate giustificazioni di rango sistematico e teleologico fatte valere dall’Avvocatura comunale in ordine alla coerenza del contributo straordinario con l’impostazione generale del piano regolatore, col metodo perequativo e con le finalita di interesse pubblico perseguite.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.