INNOVAZIONE-Cerved Group sostiene “AI WorkLab” il programma di incubazione...

STARTUP-Glovo: doppiamente premiata all’International Business Awards

31 agosto 2017 Comments Off on LIBRO-Disinformazia di Francesco Nicodemo, ed. Marsilio: a Ivrea venerdì 8 settembre per presentarlo Dalla home page

LIBRO-Disinformazia di Francesco Nicodemo, ed. Marsilio: a Ivrea venerdì 8 settembre per presentarlo

Francesco Nicodemo, esperto di comunicazione e innovazione digitale, sarà a Ivrea venerdì 8 settembre per presentare il libro Disinformazia, la comunicazione al tempo dei social media (Marsilio edizioni). Nicodemo sarà ospite della Mondadori bookstore di Ivrea (piazza Freguglia, 13) e si confronterà con Hamilton Santià (si occupa di comunicazione e strategia politica, soprattutto sui social network), Elisabetta Ballurio e Andrea Benedino. Appuntamento alle 21, ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Francesco Nicodemo, classe 1978, lavora a Palazzo Chigi nello staff del Presidente del Consiglio. Già consigliere alla comunicazione di Matteo Renzi, è stato il responsabile nazionale della comunicazione del Pd tra il 2013 e il 2014. Collabora con l’Università Luiss Guido Carli di Roma alla cattedra di Diritto del Web. Scrive per L’Unità, Rivista Studio e Mondoperaio.

Undici anni fa Time incoronò persona dell’anno «You»: “You control the Information Age. Welcome to your world” si leggeva in copertina. Ma è davvero così? Siamo noi a controllare l’informazione grazie alla rete? A ben vedere, il “rumore di fondo” ha preso il sopravvento, disorienta i cittadini e ne influenza le decisioni. Vaccinare i propri figli, iniziare una terapia medica, fidarsi della scienza o lasciare che si insinui il dubbio, mettendo in discussione certezze ormai acquisite? E come agire da elettori consapevoli? È possibile operare una scelta ponderata sottoposti come siamo al fuoco di fila di notizie inesatte, falsi allarmismi, parole di odio?

Francesco Nicodemo prova a smascherare in questo libro le distorsioni che agiscono sulla nostra percezione della realtà. In ballo vi è la vittoria tra due visioni contrapposte: un mondo ripiegato su se stesso e sulle sue paure, che propone ricette anacronistiche a problemi sempre nuovi, e uno aperto, ottimista, orientato al progresso. Sullo sfondo, una profonda convinzione: la risposta più decisa deve arrivare dalla politica. In che modo? “Coinvolgendo, dialogando, usando in maniera costruttiva le potenzialità offerte dal digitale, facendo sentire ciascuno protagonista di un progetto comune” .

Comments are closed.