INTERNAZIONALIZZAZIONE – UBI World Open Day: al via oggi...

LEGGE STABILITA’ – Cancellazione agevolazioni 2013/2014: Confimi Impresa,...

28 ottobre 2014 Comments (0) News

LEGGE DI STABILITA’ – Sussidiarietà: Efc, come può essere una soluzione tassare il bene comune? Nell’arco di cinque anni il peso fiscale per le Fondazioni in Italia potrebbe quadruplicare

Il Governo italiano ha appena annunciato un aumento delle tasse sui dividendi degli investimenti delle Fondazioni bancarie italiane, che si tradurra in un minor sostegno al non profit, avverte Giuseppe Guzzetti, presidente dell’Acri, l’associazione italiana che rappresenta le Fondazioni di origine bancaria.

Il 15 ottobre 2014, il Consiglio dei ministri italiano lo ha previsto nel disegno di legge di stabilita per il 2015, che entrera in vigore dopo l’approvazione definitiva da parte del Parlamento. Acri si sta opponendo all’ennesimo aumento di tassazione sulle Fondazioni: nell’arco di cinque anni, dal 2011 al 2015, le tasse sulle Fondazioni di origine bancaria aumenteranno da 100 a 360 milioni di euro se la proposta del Governo italiano verra approvata.

L’European Foundation Centre (EFC) ritiene che questa proposta sia in contrasto con le tendenze generali sul regime fiscale delle fondazioni e della filantropia in Europa. Le Fondazioni di origine bancaria sono soggetti privati non profit indipendenti, che forniscono risorse filantropiche alle organizzazioni della societa civile, dando cosi sostegno al welfare, all’integrazione sociale, allo sviluppo culturale e civile dei loro territori e regioni di riferimento. Ridurre la loro possibilita di reddito significa sottrarre risorse insostituibili per la ricerca, per le arti e, infine, per le categorie sociali svantaggiate come gli anziani, i disabili, i bambini in difficolta, gli immigrati ed altre categorie della popolazione e aree ai cui bisogni le autorita pubbliche non possono piu rispondere adeguatamente da sole.

Acri ricorda che le Fondazioni – come chiaramente riconosciuto loro dalla Corte Costituzionale nel 2003 (sentenza n.300) – sono un’importante infrastruttura che, insieme con la Pubblica amministrazione, contribuisce a promuovere il bene comune, in base al principio di sussidiarieta.

Pertanto, l’aumento degli oneri fiscali per le Fondazioni di origine bancaria – che rappresentano una robusta fonte di energia per la filantropia e un motore per il lavoro volontario in tutto il terzo settore – non e coerente con l’obiettivo finale di promuovere il bene comune.

Siamo anche molto preoccupati da questi sviluppi che fanno intendere che in tempi di austerita la filantropia viene considerata come un’entrata per il bilancio nazionale, piuttosto che come cio che essa fondamentalmente e: un attore indipendente della societa civile che favorisce le persone e le comunita che vengono trascurate dal mercato e che lo Stato non puo piu servire da solo.

Le Fondazioni di origine bancaria sono soggetti non profit, privati e autonomi, dotati di patrimoni dal cui investimento traggono le risorse necessarie a svolgere la propria attivita istituzionale, che e quella di erogare gratuitamente risorse per lo sviluppo sociale, economico e culturale dei loro territori di riferimento e del Paese. Per la tassazione sulle rendite da investimenti finanziari le Fondazioni di origine bancaria pagano come gli investitori profit .(A cura di Fabio Fiori, responsabile Ufficio studi di InnCantiere srl)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.