LAVORO – Riforma: novità per quello intermittente

FISCO – Professionisti: immobili a uso promiscuo con deduzione...

3 luglio 2012 Comments (0) News

PMI – Finanaziamenti: autodiagnosi per resistere a Basilea 3

Richiesta di rientro dei fidi e problemi a ottenere prestiti e finanziamenti. Questa la situazione attuale di oltre il 50% delle Pmi – secondo una recente indagine del Centro Studi Unimpresa condotta nei primi quattro mesi dell’anno su 130mila imprese associate – che potrebbe peggiorare a breve a causa dei requisiti patrimoniali stringenti imposti da Basilea 3 ( in vigore da gennaio 2013) quando le Pmi saranno giudicate in base al loro stato patrimoniale e alle prospettive per il futuro con evidenti difficolta per le attivita meno strutturata.

Ma dall’autodiagnosi – cercando di intervenire di volta in volta per migliorare la propria situazione e riuscire a rispettare determinati standard – puo venire una via d’uscita. Solo questo tipo di intervento puo rappresentare una via di fuga per le imprese che altrimenti dovranno patire in modo piu acuto le difficolta ad accedere al credito.

Secondo il Crif, societa specializzata nei sistemi di informazioni creditizie, “in Italia ci sono grandi spazi di sviluppo: abbiamo infatti mappato l’intero territorio nazionale e ci sono almeno 20mila aziende top performer che hanno un buon rating, di cui 3mila con fatturato superiore ai 50 milioni di euro, che pero soffrono di un certo localismo bancario che caratterizza il nostro Paese e che determina la difficolta di accesso al credito”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.