RISPARMI – Come investire a luglio-agosto: consigli per orientarsi...

LAVORO – Esodati: chiarimenti sul trattamento fiscale degli incentivi...

11 luglio 2012 Comments (0) News

FISCO – Ristrutturazioni edilizie: detrazione 36% o 50%? Chiarimenti dell’Agenzia delle entrate

Regime differenziato a seconda se le spese siano state sostenute prima o dopo il 26 giugno 2012. In risposta a un’interrogazione parlamentare, il sottosegretario al ministero dell’Economia, Vieri Ceriani, ha fornito per conto dell’Agenzia delle entrate delle precisazioni in merito ai nuovi confini della detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie, introdotti dal nuovo decreto sviluppo (decreto legge n. 83/2012).

Ceriani ha spiegato che per il 2012 la detrazione del 36%, con un limite massimo di 48mila euro, spetta per le spese di ristrutturazione effettuate dal 1° gennaio 2012 fino al 25 giugno 2012. Invece, la detrazione del 50% si applica per le spese pagate “dal 26 giugno 2012 al termine del periodo di imposta per un ammontare massimo di 96mila euro, al netto delle spese gia sostenute alla predetta data, comunque nei limiti di 48mila euro, per le quali resta ferma la detrazione del 36%”.

In parole povere, il contribuente deve applicare il bonus del 50% sulle ristrutturazioni edilizie per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 – data di entrata in vigore del decreto sviluppo – e fino al 31 dicembre 2012, da considerare al netto delle spese effettuate entro il 25 giugno di quest’anno ai fini della determinazione del limite massimo di 96mila euro.

Per quanto riguarda il periodo d’imposta 2013, la detrazione del 50% si applica alle spese sostenute dal 1° gennaio 2013 e fino al 30 giugno 2013, “per un ammontare massimo di 96mila euro, tenendo conto, in caso di mera prosecuzione dei lavori, delle spese sostenute negli anni precedenti. Se alla data del 30 giugno 2013 sono state sostenute spese per un ammontare pari o superiore a 48mila euro, le ulteriori spese sostenute nel periodo di imposta non consentiranno alcuna ulteriore detrazione del 36%”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.